19/04/2019  ore 14:21   
 HOME |  PRIMO PIANO |  Economia |  Convegni corsi |  Sport |  Eventi |  Promo
 
Confindustria Belluno Dolomiti sostiene il progetto editoriale «Falco I-Rems»

07/01/2019 | Progetti - eventi |  Il ricavato sarà devoluto a Rocca Pietore e a una borsa di studio per laureandi con tesi dedicate all’elisoccorso

Fonte: ufficio stampa Confindustria Belluno Dolomiti

 


 

 

Belluno, 21 dicembre 2018  – Confindustria Belluno Dolomiti sostiene l’iniziativa editoriale “Falco I-Rems di Katia Tormen e di Fabrizio Rufus Bristot con l’acquisto di un numero cospicuo di copie del libro.

 

«La Montagna al centro è questo l’impegno della nostra Associazione, - afferma il presidente di Confindustria Belluno Dolomiti Luca Barbini - un impegno che stiamo portando avanti attraverso la rete nazionale Confindustria per la Montagna e al tavolo di coordinamento “Innovazione sostenibile e le imprese” assegnatoci dal Ministro Stefani agli Stati generali per la Montagna, per far sì che le Terre Alte siano riconosciute per le loro specificità, le difficoltà del vivere e del fare impresa, le risorse e il patrimonio ambientale, culturale e produttivo, i talenti e le eccellenze. Un territorio anche fragile, il nostro, come è emerso con l’alluvione di fine ottobre. Un evento eccezionale e drammatico che però ha messo in risalto, ancora una volta, la forza e i valori delle nostre comunità, capaci di reagire con tempestività. Ed è anche per questa rinnovata attenzione verso il nostro territorio che abbiamo deciso di aderire al progetto che ha portato alla pubblicazione del libro “Falco I-Rems”, un volume che ripercorre il tragico incidente che nel 2009 costò la vita all’equipaggio dell’elicottero del SUEM di Pieve di Cadore. Una parte dei proventi della vendita dei libri andrà a sostenere il territorio di Rocca Pietore, fortemente colpito dall’ondata di maltempo, e servirà a finanziare una borsa di studio per laureandi con tesi dedicate all’elisoccorso».

 

Fabio Bristot Rufus, insieme a Katia Tormen, ringrazia Confindustria Belluno Dolomiti, precisando che «ci sono molti modi per dare dei segni alle comunità del nostro prezioso e delicato territorio e a ciò che questo territorio esprime in termini di eccellenze. Il fatto che Confindustria Belluno Dolomiti si sia riconosciuta in questo racconto che narra del servizio di elisoccorso del 118 e del Soccorso Alpino, è uno di questi segni importanti perché equivale a riconoscere quell’eccellenza».

 

 

“Falco I-Rems”

Un’opera – si specifica nella prefazione – di pura fantasia, anche se inevitabilmente si collega ai fatti reali occorsi in data 22 agosto 2009, quando in località Rio Gere (Cortina d’Ampezzo – Belluno), alle pendici del Monte Cristallo, un elicottero A109S Grand (Agusta Westland), marche di immatricolazione I-REMS, esercente il servizio per conto del Suem 118 di Pieve di Cadore dell’Ulss n. 1 di Belluno, impatta i cavi di una linea di media tensione, facendo morire l’intero equipaggio ad esclusione di una persona che tra la prima e la seconda ricognizione sul fronte della frana era sceso per monitorare una persona cardiopatica.

Nomi e personaggi, il vissuto personale e interpersonale dei soggetti identificati come Diego, Francesco, Michele, Stelvio e delle correlate compagne di vita, oltre che di tutti gli altri personaggi, sono frutto dell’immaginazione degli autori e come tali sono usati in modo del tutto fittizio in relazione alle vicende e vicissitudini di carattere personale e famigliare descritte e narrate.

L’assoluta somiglianza, invece, con i fatti in premessa descritti, i luoghi e le persone in relazione alle loro funzioni, ancorché associate ad altri nomi, invece, non sono affatto casuali, ma un elemento fortemente voluto. Voluto, quanto richiesto dalla necessità di connotare questo libro non solo con i tratti della mera fantasia narrante, ma anche con azioni che facilitino la comprensione dei processi e delle dinamiche legate al mondo del Soccorso Alpino e del Suem 118 e, più espressamente, a quelle dell’elisoccorso.

In modo particolare, si è voluto porre in evidenza senza possibilità di edulcorazione – questo aspetto è incipit e file rouge del racconto stesso – il problema degli ostacoli al volo alla navigazione aerea, causa ed intimo motivo per cui evidentemente si è scritto. Ostacoli al volo lineari, verticali e, anche mobili (come ultimamente possono essere definiti, ad esempio, i droni) che rappresentano un gravissimo, irrisolto problema del nostro (Bel) Paese e che, come tale, aspetta da decenni una soluzione certa e definitiva, senza più balbettii e tentennamenti di sorta, da parte di uno Stato colpevolmente inerte.

Queste soluzioni devono, infatti, essere garantite ora, perché nessun altro libro sul tema sia mai più scritto. Mai più

« Indietro    Pubblica su: 
OkNotizie Del.icio.us! Google! Facebook! Share
Tag clouds
Montagna Suem territorio voluto Dolomiti Belluno Confindustria elisoccorso libro Falco nbsp REMS
Ultime news - tutte le categorie
Economia
  A Roma incontro istituzionale. I Vicepresidenti Unioncamere Pozza e Riello incontrano il Ministro Di Maio
19 aprile 2019
Convegni e corsi
  Sicurezza digitale tutto quello che le PMI dovrebbero sapere
12 aprile 2019
Sport
  A Cortina D’Ampezzo si scia fino al 1° Maggio, sul Faloria piste aperte per neve
19 aprile 2019
Eventi
  “Dal Design al Pincbau” di Andrea Pinchi, da Giovedì 18 Aprile a Domenica 12 Maggio l''esposizione al Museo Luigi Bailo di Treviso
19 aprile 2019
Promozione
  Turismo sociale e inclusivo: da Giugno 2019 in Veneto spiagge accessibili, stabilimenti attrezzati per disabili e 50 borse lavoro per persone a rischio esclusione
19 aprile 2019

Ecco perché è una buona idea

Presenza sul web e social

Per essere trovati e creare nuove occasioni di business

Ottima occasione di promozione

Per essere presentati all’estero in Inglese, russo, giapponese, cinese e spagnolo

Sempre accolti con condivisione

Per essere promossi con il comunicato di benvenuto
Per essere ricordati nei comunicati di aggiornamento