16/02/2019  ore 18:54   
 HOME |  PRIMO PIANO |  Economia |  Convegni corsi |  Sport |  Eventi |  Promo
 
Borgo Alpino di Castelmagno in vendita su subito.it. E la CNN presenta i borghi montani come luogo dove investire, con il supporto dei comuni. Uncem: segnali positivi per lo sviluppo locale

28/01/2019 | Promozione | 

Fonte: ufficio stampa Uncem


I borghi alpini vanno in vendita on line. Dopo le borgate promosse su EBay - anche con il supporto di Uncem negli anni scorsi - ora tocca a Subito.it ospitare l'annuncio di un'intera frazione di Castelmagno, in Val Grana, nel Cuneese, in vendita per 360mila euro. Baite, alcune ristrutturate e altre da ristrutturare, stalle, magazzini, e terreni, 22 ettari di pascoli. Batuira è 'per tutti', con un mutuo ad esempio, al prezzo di un appartamento in un quartiere medio di Roma, Milano o Torino. Si può fare impresa, agricola e turistico-ricettiva. Una bella proposta per giovani e meno giovani, nel noto paese che dà il nome a un formaggio Dop tra i più noti al mondo. 

Le opportunità come quella di Castelmagno si moltiplicano, non sono isolate, complice anche alcune importanti iniziative di rivitalizzazione dei borghi alpini avviate, come quella di Ambornetti a Ostana a opera di un gruppo di giovani imprenditori torinesi. Non solo. A dare un colpo d'ala al settore e allo sviluppo locale ci ha pensato nei giorni scorsi la CNN, con un lungo articolo pieno di foto e narrazione di borghi, apparso sul canale "Travel" dedicato appunto ai borghi e ai paesi da rivitalizzare, dove abitare, dove acquistare uno o più immobili a un euro, piuttosto che ricevere un sostegno dal Comune per chi si trasferisce. Citati nel pezzo Carrega Ligure (AL), Borgomezzavalle (VB), Locana (TO), molti borghi siciliani e altri della Sardegna. Tantissimi altri gli esempi che Uncem ha censito, i borghi dove gli Enti locali stanno lavorando per attrarre investimenti, nuovi abitanti, giovani famiglie con bambini in età scolare, e anche nuove imprese, negozi, piccole aziende agricole, artigiane, turistico-ricettive. Un'azione nella quale Uncem crede molto e per la quale serve managerialità.

"Uncem ritiene importante ci sia un mercato attorno a interi borghi, dal Piemonte alla Sicilia, peraltro a pezzo di appartamenti a Torino o periferia di Milano - evidenzia Marco Bussone, Presidente nazionale Uncem - Qui si può fare impresa, produrre reddito, avere migliore vivibilità e benessere. I cambiamenti climatici spingeranno molte persone, nei prossimi trent'anni, a vivere fuori dalle aree urbane. Questi borghi possono essere la soluzione, come Uncem dice da tempo e ha raccontato anche sul sito internet borghialpini.itServono precise strategie, supporti finanziari a chi acquista, meno burocrazia possibile per il recupero architettonico, agevolazioni fiscali per le imprese che si insediano in questi borghi rivitalizzati. Oggi vi sono complessità che vanno vinte. Dare nuova vita ai borghi alpini e appenninici come Batuira costituisce un valore per l'intero Piemonte, per tutta l'Italia e per l'intera collettività. Evitare che i borghi, gli immobili siano ridotti a ruderi e i prati siano invasi da boschi è un servizio ecosistemico-ambientalo che deve essere riconosciuto dalle istituzioni e dal sistema economico nazionale".
« Indietro    Pubblica su: 
OkNotizie Del.icio.us! Google! Facebook! Share
Tag clouds
alpini borghi giovani Uncem
Ultime news - tutte le categorie
Economia
  Rapporto AgroMafie: Coldiretti invita a tenere alta l''attenzione anche nella Marca
15 febbraio 2019
Convegni e corsi
  “Aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili, e accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale” a favore delle imprese culturali, creative e dello spettacolo. Treviso, venerdì 22 febbraio 2019
12 febbraio 2019
Sport
  Polisportiva Casier quattro volte sul podio ai Campionati Italiani indoor di pattinaggio corsa
11 febbraio 2019
Eventi
  Al via le 14^ edizioni di Ri-Costruire 3.0 e Arte in Fiera Dolomiti, le manifestazioni di Longarone
15 febbraio 2019
Promozione
  Il Coordinamento Nazionale delle Strade del Vino, dell’Olio e dei Sapori riunito a Fondazione FICO, dove ha fissato la sua sede, per presentare attività e obiettivi per il 2019
14 febbraio 2019

Ecco perché è una buona idea

Presenza sul web e social

Per essere trovati e creare nuove occasioni di business

Ottima occasione di promozione

Per essere presentati all’estero in Inglese, russo, giapponese, cinese e spagnolo

Sempre accolti con condivisione

Per essere promossi con il comunicato di benvenuto
Per essere ricordati nei comunicati di aggiornamento