23/05/2019  ore 13:49   
 HOME |  PRIMO PIANO |  Economia |  Convegni corsi |  Sport |  Eventi |  Promo
 
Veneto: cala il numero di imprese che investono ma aumenta il valore dell’investimento. Cautela per il 2019  

05/03/2019 | Economia | 

Fonte: ufficio stampa Unioncamere Veneto

Pozza: «Le azioni politiche, con una pianificazione a lungo termine e con obiettivi definiti, hanno un ruolo determinante per creare quel benessere economico diffuso capace di ristabilire fiducia negli investimenti per un’economia sostenibile»


Venezia, 4 marzo 2019 |Nel 2018, sulla base dell’indagine VenetoCongiuntura realizzata da Unioncamere Veneto su un campione di 1.575 imprese, il 54,9% delle imprese manifatturiere del Veneto con almeno 10 addetti ha effettuato investimenti materiali e immateriali (cinque punti percentuali in meno rispetto al 60,1% del 2017), impegnando l’11,6% di risorse in più rispetto al 2017. Il 2018 vede un cambiamento di rotta rispetto all’anno precedente con una decrescita del numero di imprese propense ad investire e un aumento del valore dell’investimento, tendenza che si protrae anche nelle prospettive per il 2019.


«Il focus di approfondimento dedicato agli investimenti delle imprese manifatturiere venete riporta un quadro complessivamente positivo per il 2018 anche se la quota di imprese che hanno effettuato investimenti (quasi il 55%) è diminuita rispetto al 2017 e permane per il 2019 una situazione di incertezza (la quota si ferma al 41,8%) – evidenzia il presidente di Unioncamere Veneto Mario Pozza - . Anche in questo momento di difficoltà economica e finanziaria, le imprese venete, di cui è riconosciuta la grande apertura internazionale, continuano a fare investimenti. Il mercato interno deve essere sempre più sostenuto per riacquistare fiducia e credere negli investimenti. Le azioni politiche, con una pianificazione a lungo termine e con obiettivi definiti, hanno un ruolo determinante per creare quel benessere economico diffuso capace di ristabilire fiducia negli investimenti per un’economia sostenibile».


Nel 2018 la voglia di investire ha riguardato principalmente le imprese di maggiori dimensioni: l’80% delle grandi imprese (50 addetti e più) e il 50,7% delle piccole imprese (10-49 addetti), mentre a livello settoriale soprattutto le imprese dei comparti gomma e plastica (70%), metalli (60,9%), alimentare, bevande e tabacco (60,3%). Sono principalmente le imprese di beni strumentali ad aver effettuato investimenti raggiungendo una quota pari a 59,2%, a fronte delle imprese produttrici di beni intermedi e di consumo con una minore propensione (rispettivamente 56,6% e 49,8%).


Gli imprenditori hanno dichiarato di aver incrementato il valore investito mediamente del +11,6% rispetto al 2017. La variazione più marcata nel settore carta e stampa (+43,5%), a seguire macchine elettriche ed elettroniche (+40,8%), marmo, vetro e ceramica (+25,1%). A livello dimensionale la propensione più elevata riguarda le piccole imprese (+15,4%), per medie e grandi +10,5%.


Gli investimenti si sono concentrati nel miglioramento dei processi produttivi: l’85,7% per l’acquisto di macchinari e impianti, il 49,6% per ottimizzare l’automazione d’ufficio. Il 36,8% ha scelto di investire in formazione e risorse umane, il 36,8% in ricerca e sviluppo, il 32,4% in fabbricati per la produzione o uffici. Il 26,6% ha puntato su energie rinnovabili e risparmio energetico.


Nel 2018 le imprese manifatturiere del Veneto hanno investito mediamente il 4,6% del fatturato aziendale maturato nell’anno (era il 3,5% nel 2017). A livello dimensionale non c’è particolare discrepanza tra piccole e medie-grandi imprese, mentre sotto il profilo settoriale l’incidenza più elevata è registrata dai mezzi di trasporto (9,8%), seguito da gomma e plastica (6,6%), marmo, vetro e ceramica (6,3%).


In linea con la tendenza del 2018, il ciclo degli investimenti sembra destinato alla cautela anche nel 2019: il 41,8% degli imprenditori prevede infatti di investire durante l’anno. Secondo le previsioni, la quota più elevata di imprese propense a investire si concentra soprattutto fra i produttori di beni di investimento (52,4%) e di beni intermedi (40,2%).


Secondo le aspettative, nel 2019 gli investimenti cresceranno del +6,9% su base annua, in diminuzione rispetto a quanto stimato nel 2018 (+12,1%). Sono le piccole imprese a prevedere un maggiore aumento (+15,2%) in controtendenza alla leggera crescita (+4,9%) delle imprese di medie e grandi dimensioni. I settori che prevedono un maggiore aumento sono l’alimentare, bevande e tabacco (+22%) e il comparto del legno e mobile (+14,3%), pessimista risulta il settore della carta e stampa (-35,8%) assieme ai mezzi di trasporto (-5,5%).


Tra le imprese che prevedono una diminuzione degli investimenti nel 2019, oltre la metà si giustifica con l’assenza di particolari esigenze, +2,4 punti percentuali rispetto al 2018 (62,3%). Il 23,7% delle imprese ridurrà gli investimenti per incertezze di mercato, il 23,5% perché ha programmato gli investimenti negli anni successivi, solo il 2,4% per mancanza di risorse finanziarie.

« Indietro    Pubblica su: 
OkNotizie Del.icio.us! Google! Facebook! Share
Tag clouds
elevata fiducia livello medie 2017 2018 effettuato mercato quota risorse Unioncamere addetti aumento imprese manifatturiere piccole rispetto stampa 2019 beni grandi investimenti investire Veneto
Ultime news - tutte le categorie
Economia
  Bcc Monsile con l''approvazione del bilancio di esercizio 2018 si riconferma banca di comunità
20 maggio 2019
Convegni e corsi
  Seminario: “Insegnare la responsabilità sociale: il progetto CSR IN CLASS nelle scuole”, Venezia 7 giugno 2019
20 maggio 2019
Sport
  Boom di iscritti per Prosecco Cycling, la corsa ciclistica di Domenica 29 Settembre tra le colline di Valdobbiadene e Conegliano
17 maggio 2019
Eventi
  30 maggio 2019 Associazione Porta Altinia presenta FUORIGIRO Accogliamo la tappa del Giro d’Italia aspettando il Giro d’Italia
23 maggio 2019
Promozione
  Sicurezza digitale nelle PMI: contributi e formazione per adeguarsi alle misure di prevenzione delle minacce informatiche
22 maggio 2019

Ecco perché è una buona idea

Presenza sul web e social

Per essere trovati e creare nuove occasioni di business

Ottima occasione di promozione

Per essere presentati all’estero in Inglese, russo, giapponese, cinese e spagnolo

Sempre accolti con condivisione

Per essere promossi con il comunicato di benvenuto
Per essere ricordati nei comunicati di aggiornamento