Anche per il 2021 i controlli per la qualità delle acque sui siti di balneazione attestano l’idoneità dei laghi e del mare. Assessore Bottacin: Analisi confermano eccellenza veneta

Durante l’intera stagione balneare, infatti, ARPAV provvederà a svolgere controlli puntuali con campionamenti a cadenza almeno mensile


Economia - pubblicata il 19 Maggio 2021


https://www.trevisobellunosystem.com/tvsys/img/notizie/giunta_regionale_veneto.jpg

Fonte: ufficio stampa Giunta Regione Veneto

Anche quest’anno assicureremo un puntuale controllo sulla qualità delle acque di balneazione del mare Adriatico e dei laghi veneti, attraverso il nostro braccio operativo di Arpav in
collaborazione con la Guardia Costiera. Nel frattempo, con l’obiettivo di avere i primi dati per l’apertura della stagione, tra il 10 e il 14 maggio abbiamo già effettuato il campionamento su
tutte le acque di balneazione, il cui esito ha confermato l’idoneità per i punti controllati.

A dirlo è l’assessore all’Ambiente Gianpaolo Bottacin, annunciando i risultati della campagna di controlli “pre stagione”.

Durante l’intera stagione balneare, infatti, ARPAV provvederà a svolgere controlli puntuali con campionamenti a cadenza almeno mensile, finalizzati alla ricerca di rilievi su parametri di natura
ambientale (temperatura aria, temperatura acqua, vento corrente, onde, etc.), analisi di parametri microbiologici (escherichia coli e enterococchi intestinali) e ispezioni di natura visiva
(presenza di vetro, plastica, gomme, residui bituminosi, eccetera).

I rilievi – spiega l’Assessore – saranno effettuati su 174 acque di balneazione, distribuite su 8 corpi idrici: 95 sul mare Adriatico, 65 sul lago di Garda, 4 sul lago di Santa Croce, 1
sul lago del Mis, 4 sul lago di Centro Cadore, 2 sul lago di Lago, 2 sul lago di Santa Maria e 1 sullo specchio nautico di Albarella, per un totale di 149 km di costa controllata adibita alla
balneazione. L’eventuale superamento dei valori limite di legge per i parametri escherichia coli ed enterococchi intestinali determinerà l’interdizione temporanea alla balneazione, attraverso
un’ordinanza sindacale e l’informazione ai bagnanti con segnali di divieto per tutta l’acqua di pertinenza del punto, e l’intensificazione dei controlli con campionamenti aggiuntivi.
L’interdizione temporanea resterà in vigore fino all’esito di una analisi aggiuntiva successiva favorevole.

A seguito dell’esito della classificazione 2020, basata sulla elaborazione dei quattro anni dal 2107 al 2020 dei dati di escherichia coli ed enterococchi intestinali è risultato che per l’inizio
della stagione balneare 2021 sono 173 le acque idonee e una temporaneamente vietata (Vallesella casette” nel lago di Centro Cadore).
Dall’esito della classificazione è emerso infatti che 162 acque sono risultate di qualità ‘eccellente’, ovvero il 93.1% del totale – prosegue Bottacin – 7 di qualità ‘buona’, 4
‘sufficiente’ e solo una ‘scarsa’, lo 0.6% del totale.

Tutte le acque classificate nelle classi “eccellente”, “buona” e “sufficiente” sono idonee ai sensi di legge per l’inizio della stagione balneare mentre quella “scarsa” è temporaneamente vietata
per tutta la stagione balneare.

Il lavoro continua: già nei prossimi giorni avremo la prima campagna di monitoraggio ordinaria in stagione balneare – conclude l’assessore – che sarà infatti realizzata tra il 24 e il 26
maggio.

I risultati delle analisi sono in ogni momento disponibili sul sito ARPAV:

http://www.arpa.veneto.it/acqua/htm/balneazione.asp oltre che nel “Portale acque di balneazione” del Ministero della Salute.

Per rendere disponibili ovunque le informazioni sulla qualità delle acque è disponibile anche una specifica app “ARPAV balneazione” per smartphone IOS ed Android, scaricabile dal sito e dalle
piattaforme specifiche di ciascun sistema operativo.

Corsi e convegni

Economia

Economic Report

Eventi

News Europa

Promo

Sport