Commercio Estero: Scalfarotti, export cresce in maniera decisa a giugno 2017

Nel primo semestre dell'anno confermate le ottime prospettive per il nostro export e la bontà delle scelte fatte dal governo


Economia - pubblicata il 25 Luglio 2017


https://www.trevisobellunosystem.com/tvsys/img/notizie/ministero_dello_sviluppo_economico.jpg

Fonte: ufficio stampa Mise


Roma, 24 luglio 2017 – A giugno l’export italiano verso l’area extra U.E. ha registrato – su base tendenziale – una significativa crescita: lo scorso mese, infatti, le nostre vendite sono
aumentate dell’8,2% rispetto a giugno 2016. Anche l’import dai Paesi extra UE sta realizzando variazioni tendenziali positive.

Nonostante l’incremento relativo più cospicuo dell’import rispetto all’export, la bilancia commerciale dell’Italia con l’area extra U.E. continua – così come avviene da febbraio 2017 – a
mantenersi in attivo: nel mese di giugno, infatti, l’avanzo è stato pari a circa 3,3 miliardi di euro. Inoltre rispetto allo stesso mese del 2016, l’export verso Cina (+32,9%), Russia (+26,8%) e
Stati Uniti (+12,4%) è aumentato in misura superiore rispetto al totale esportazioni.

Sul semestre va evidenziato come siano incrementate sia le esportazioni italiane nei Paesi extra UE (+9,1%), registrando un valore di poco inferiore a 97,2 miliardi di euro, che le importazioni
(+15,3%).

In particolare si rilevano performance decisamente positive nelle Americhe: in particolarela crescita dell’export è eccezionalmente sostenuta per gli Stati Uniti – con un +9,9% ; poi è rilevante
il dato dell’ Asia, grazie agli ottimi risultati semestrali realizzati in Cina (+28,4%), Giappone (+11%) e India (+10%) e – con una crescita di tredici punti percentuali – nell’Africa
sub-sahariana.

Infine va sottolineata la netta ripresa delle esportazioni italiane nella Federazione Russa (+24,5%), dopo tre anni caratterizzati – a causa delle vicende internazionali che hanno interessato il
paese con l’imposizione di sanzioni da parte europea ( rinnovate da ultimo dal Consiglio europeo proprio a giugno per altri 6 mesi) – da notevoli riduzioni dei nostri flussi esportativi, a partire
dal 2014.

“I dati sul commercio estero dell’Italia sono particolarmente incoraggianti, sia sul fronte delle esportazioni che su quello delle importazioni” è il commento del Sottosegretario al
Ministero dello Sviluppo Economico Ivan Scalfarotto. “È ormai da novembre del 2016 che le esportazioni italiane, con la sola eccezione di aprile, conseguono dei miglioramenti su base
annua” ha sottolineato il Sottosegretario Scalfarotto, “si confermano poi le ottime prospettive per il nostro export cresciuto in modo davvero vivace nell’ultimo mese e nella
prima metà dell’anno in corso”

“Quanto ottenuto nel primo semestre di quest’anno sul mercato americano e in Asia – particolarmente sul mercato cinese – premia la nostra decisione di concentrare su alcune zone geografiche le
risorse promozionali a sostegno del nostro export nel quadro del Piano Straordinario per il Made in Italy, strategia su cui abbiamo investito nel triennio centinaia di milioni di euro – per una
media di oltre 170 milioni annui” ha continuato l’Onorevole Scalfarotto, “ciò che ha pagato è stato impegnare i fondi disponibili in «piani speciali d’attacco» sui mercati ad alto
potenziale (USA e Canada nei primi due anni, Cina e Russia quest’anno)”.

“Infine l’auspicata ripresa delle esportazioni italiane in Russia segue l’attività di diplomazia economica posta in essere dal governo al Forum di San Pietroburgo per superare i notevoli
problemi di fronte ai quali ci siamo trovati” ha concluso Scalfarotto, “a tale scopo quest’anno gli sforzi promozionali del nostro dicastero e dell’ICE avranno appunto un focus speciale
sulla Russia: mi pare che, malgrado le sanzioni europee siano state rinnovate ancora fino alla fine dell’anno, le premesse per risultati ancora migliori ci siano tutte”.

Corsi e convegni

Economia

Economic Report

Eventi

News Europa

Promo

Sport