Dichiarazione Presidente Montedoro su Treviso finalista Capitale della Cultura 2026

In finale tre città capoluogo di provincia e sette non capoluogo.


Promo - pubblicata il 14 Dicembre 2023


https://www.trevisobellunosystem.com/wp-content/uploads/2023/07/Sito-Unesco-Colline-del-prosecco.png

Fonte: ufficio stampa Associazione Colline del Prosecco

 

 

Valdobbiadene 13 dicembre 2023 – “È una bellissima notizia per Treviso e per il Veneto. Entrare nella rosa delle prime 10 finaliste è già un grande risultato che dimostra la qualità della proposta presentata e rende onore ad una città che racchiude in sè storia, cultura, arte e territori meravigliosi come le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene. Appena il sindaco Conte ci ha contattati, mesi fa, per annunciarci la candidatura e chiederci di essere della partita, come Associazione siamo stati entusiasti dell’idea e di dare il massimo supporto. È proprio quando ci muoviamo insieme, coordinati e coesi, facendo squadra, che possiamo puntare a risultati straordinari. Ora incrociamo le dita e speriamo di scalare la classifica, perché Treviso si merita ogni riconoscimento grazie al grande lavoro di valorizzazione che da anni sta facendo per mettere la cultura al centro della sua offerta”.

Con queste parole Marina Montedoro, presidente dell’Associazione per il Patrimonio delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene accoglie con grande soddisfazione la notizia che vede la città di Treviso tra le 10 finaliste per l’assegnazione del titolo di “Capitale Italiana della cultura 2026”. Il capoluogo della Marca si è presentato alla selezione con il claim “I Sensi della Cultura”, a suggerire il coinvolgimento di tutti i sensi nel viaggio culturale pensato dal suo sindaco Mario Conte per promuovere la storia, l’architettura, le tradizioni, l’enogastronomia e la ricchezza naturale della città e della sua preziosa provincia, di cui le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene sono il fiore all’occhiello, riconosciute Patrimonio UNESCO nel 2019.

Ora il Ministero della Cultura affiderà ad una commissione di esperti nella gestione dei beni culturali, la valutazione delle proposte che saranno illustrate alla Giuria nel corso di audizioni pubbliche, così come previsto dal bando. Treviso sarà ascoltata il prossimo 5 marzo, come annunciato dal governatore del Veneto Luca Zaia in un post affidato ai social. La procedura di presentazione dei progetti si concluderà entro il 29 marzo 2024, e solo dopo un’attenta valutazione il Ministero annuncerà la vincitrice per il 2026. Ricordiamo che il titolo di Capitale Italiana della cultura viene conferito per la durata di un anno e la prescelta riceve un milione di euro per la realizzazione del proprio progetto di promozione culturale del territorio.

Treviso si prepara quindi a sfidare altre nove località italiane in lizza per il titolo, in particolare: Alba (CN), Rimini (RN), l’Unione dei Comuni Valdichiana Senese (SI), Gaeta (LT), Latina, L’Aquila, Agnone (IS), Lucera (FG) e Maratea (PT).

 

Corsi e convegni

Economia

Economic Report

Eventi

News Europa

Promo

Sport