Galvalux destina quasi 700 mila euro a favore della comunità – Dal salvataggio del palaghiaccio di Tai di Cadore ai nuovi bonus per i dipendenti

Il Presidente del Cda di Galvalux, Angelo De Polo: “Crediamo nel territorio, così vogliamo contrastare lo spopolamento della nostra montagna”


Economia - pubblicata il 16 Dicembre 2022


https://www.trevisobellunosystem.com/tvsys/img/notizie/galvalux.png

Fonte: Ufficio stampa Galvalux

Pieve di Cadore, 15 dicembre 2022 – Dopo il salvataggio del palaghiaccio di Tai a Pieve di Cadore, Galvalux punta ancora sulla responsabilità sociale d’impresa, erogando nuovi bonus ai
dipendenti e contributi alle realtà del territorio, dallo sport alla cultura. Una “manovra”, a fine 2022, che ammonta a quasi 700 mila euro: “Crediamo nel valore della comunità e nella necessità
di combattere con ogni mezzo il calo demografico e la fuga di giovani e famiglie dalla nostra montagna”, afferma Angelo De Polo, presidente del Cda di Galvalux, l’azienda di trattamenti
galvanici e verniciatura nata in Cadore nel 1973.
Sullo sfondo c’è la crescita significativa della società che chiude l’anno con un fatturato record, superando la soglia dei 20 milioni di euro, il 20 per cento in più rispetto al 2019, quasi il 50
se confrontato con il periodo della pandemia. Trainanti, come spiega lo stesso De Polo, i grandi marchi della moda, dall’occhialeria agli accessori e pelletteria. “Sono traguardi che vogliamo
condividere con il territorio”, sottolinea il presidente di Galvalux.
BONUS AI DIPENDENTI E BUONI “A CHILOMETRO ZERO”
Avvalendosi delle novità introdotte con i decreti aiuti bis e quater in tema di fringe benefit, Galvalux ha fissato in mille euro la quota minima per ogni lavoratore destinata al pagamento delle
utenze domestiche di acqua, luce e gas.
“Chi non dovesse arrivare a questa soglia, potrà contare su buoni spesa da utilizzare nei negozi e nei supermercati della zona”, spiega De Polo. Buoni quindi a “chilometro zero”, capaci di
innescare un circuito virtuoso. La misura interessa i circa 200 lavoratori tra lo stabilimento madre di Pieve di Cadore e la consociata di Longarone Color Point. Complessivamente, la voce incide
per circa mezzo milione di euro.
IL CASO PALAGHIACCIO E GLI INVESTIMENTI SU SPORT E CULTURA
A fine ottobre, Galvalux era stata protagonista del salvataggio della stagione al palaghiaccio di Tai, a rischio chiusura – come altre analoghe strutture – a causa dei rincari energetici da record.
Sulla base di una convenzione con Comune e Hockey Club Pieve di Cadore, la società ha messo a disposizione 100 mila euro. “Un’azione che rivendichiamo, da sempre crediamo nello sport”,
rimarca De Polo. E infatti, nel corso del 2022, altri 100 mila euro sono stati erogati a favore di società sportive, associazioni culturali e sociali. “Solo un territorio vivo, può crescere
ancora e mantenere un tessuto economico-sociale attrattivo”, la convinzione di De Polo.
LAVORO FEMMINILE – LA PREVENZIONE DEI TUMORI
Galvalux e Color Point sono mobilitate a 360 gradi, come dimostra anche l’attenzione per una tematica specifica: la lotta ai tumori.
L’azienda, infatti, procede al pagamento dello screening al seno per tutte le dipendenti sopra i 50 anni, un impegno che si rinnova: “Il benessere in fabbrica passa per la prevenzione. Anche
questa è una battaglia che ci deve vedere uniti”, conclude De Polo.

Corsi e convegni

Economia

Economic Report

Eventi

News Europa

Promo

Sport