I giudici formano, i professionisti rispondono

Al primo seminario online organizzato dall'associazione Innovazione e Giustizia, in sinergia con il Tribunale di Treviso, si è parlato delle nuove disposizioni in materia di esecuzioni immobiliari.


Corsi e convegni - pubblicata il 25 Novembre 2020


https://www.trevisobellunosystem.com/tvsys/img/notizie/tv_webinar_novembre2020.jpg

Fonte: ufficio stampa
Associazione Innovazione e Giustizia Treviso

Un webinar sulle recenti disposizioni del Tribunale di Treviso in merito alle esecuzioni immobiliari, ha inaugurato il nuovo polo formativo creato a Treviso da una recente
partnership fra Universitas Mercatorum università telematica delle Camere di Commercio italiane, Confassociazioni e l’associazione trevigiana Innovazione e
Giustizia
. Al seminario organizzato su piattaforma online hanno partecipato un centinaio di professionisti, appartenenti a diverse categorie lavorative, tutti che operano nel settore
giustizia: avvocati, notai, commercialisti, ingegneri, architetti e geometri.

A questo primo webinar, tenutosi lunedì pomeriggio 23 novembre, sono intervenuti in qualità di relatori il presidente della seconda Sezione Civile del Tribunale di Treviso, Bruno
Casciarri
, insieme alle due giudici delle esecuzioni Alessandra Burra e Francesca Vortali.
Il titolo completo del seminario era “Le azioni del custode e del delegato alla luce delle nuove disposizioni del Tribunale di Treviso. Custodia e vendita esecutiva. Note operative alle nuove
disposizioni”. Il webinar è stato ospitato sul canale telematico del Gruppo 24 Ore ed è stato diretto da Federico Massa, già impegnato in realizzazioni di documentari con Marco Paolini, Mario
Rigoni Stern ed Ermanno Olmi.

“L’approccio dell’intervento formativo è stato volutamente operativo – ha commentato nel suo intervento il presidente della seconda Sezione Civile, Bruno Casciarri – per dare
indicazioni concrete ai professionisti che collaborano con il nostro Tribunale, per prevenire eventuali errori interpretativi o di applicazione fin da principio, snellendo in tal modo le procedure
e la mole di documenti e fascicoli che dobbiamo elaborare. In questo modo vorremmo raggiungere un duplice obiettivo: ridurre i tempi della giustizia civile, offrendo un servizio migliore alla
società, riducendo i costi, che hanno importanti risvolti sia economici che sociali, per l’intera collettività”.
Il neo presidente ha quindi voluto sottolineare il recente lavoro condotto dai magistrati della Sezione, Burra e Vortali, richiamando i risultati ottenuti, nonostante le note carenze di organico
dell’apparato giustizia. “Nell’ultimo anno il Tribunale di Treviso ha evaso oltre 500 esecuzioni immobiliari pendenti, riducendo del 13% le pendenze finali e anche le definizioni. Merito di un
grosso impegno dei giudici e dei professionisti che collaborano con noi. Ora intendiamo procedere su questa strada, in cui rientra anche il progetto formativo che stiamo attuando insieme ad
Innovazione e Giustizia e Unimercatorum”.

Soddisfatti i professionisti che hanno partecipato a questo primo webinar formativo con il Tribunale di Treviso. “Il nostro principale obiettivo – spiegano da Innovazione e
Giustizia
, l’associazione trevigiana che riunisce un gruppo di professionisti di tutti gli ordini professionali e che operano sia per le imprese che per il Tribunale – è una nuova
proposta formativa, di specializzazione ed aggiornamento continuo per professionisti del settore giustizia, creata ad hoc per le nostre esigenze, come un vestito sartoriale. In questo modo vorremmo
migliorare e stimolare lo sviluppo dell’intera filiera, in termini organizzativi, di efficientamento e di innovazione tecnologica, avvicinando sempre di più pubblico e privato, per servizi ai
cittadini più performanti e soddisfacenti”.

Corsi e convegni

Economia

Economic Report

Eventi

News Europa

Promo

Sport