La Commissione accoglie con favore l’accordo politico sul Fondo europeo per la difesa


Economia - pubblicata il 15 Dicembre 2020


https://www.trevisobellunosystem.com/tvsys/img/notizie/eu_commissione_europea.jpg

Source: European Commission Spokesperson’s Service

Oggi la Commissione accoglie con favore l’accordo politico tra il Parlamento europeo e gli Stati membri dell’UE sul Fondo europeo per la difesa, proposto dalla Commissione nel giugno 2018. I negoziati di trilogo si sono conclusi con l’accordo politico, in attesa
dell’approvazione definitiva dei testi giuridici da parte del Parlamento europeo e del Consiglio. Si tratta del primo programma finanziario pluriennale a sostegno della ricerca e dello sviluppo
nel settore della difesa nell’UE
.

Della dotazione concordata totale di 7.953 miliardi di €, circa un terzo sarà destinato al finanziamento di progetti di ricerca competitivi e collaborativi, in particolare mediante sovvenzioni,
mentre due terzi integreranno gli investimenti degli Stati membri cofinanziando i costi per lo sviluppo delle capacità di difesa dopo la fase di ricerca.

Il Commissario per il Mercato interno, Thierry Breton, ha dichiarato: “Accolgo con favore l’accordo politico di oggi sul Fondo europeo per la difesa. Si tratta di un
importante passo avanti: per la prima volta l’UE disporrà di un programma specifico a sostegno della cooperazione industriale nel settore della difesa. Una base industriale e tecnologica di difesa
europea più integrata, innovativa e competitiva è fondamentale per un’Europa più forte, più resiliente e strategicamente autonoma. Grazie alla cooperazione in materia di difesa e ad investimenti
congiunti per la ricerca e lo sviluppo, il Fondo europeo per la difesa renderà disponibili tecnologie e attrezzature di difesa all’avanguardia e interoperabili, in linea con le esigenze degli
Stati membri in termini di capacità.”

Il Fondo europeo per la difesa contribuirà in modo determinante alla sovranità dell’Europa, proteggendo e difendendo i suoi cittadini. Promuoverà la cooperazione in materia di difesa tra le
imprese, gli attori della ricerca e tra gli Stati membri, per promuovere l’innovazione e sviluppare tecnologie di difesa all’avanguardia.

Incoraggerà inoltre con vigore la partecipazione delle piccole e medie imprese (PMI) a progetti collaborativi e promuoverà soluzioni di innovazione pionieristiche grazie a un bilancio specifico per
le tecnologie dirompenti nel settore della difesa.

In tal modo l’UE diventerà uno dei tre maggiori investitori europei nel settore della ricerca e della tecnologia per la difesa.

Il programma si basa su due programmi precursori, avviati nell’ambito del bilancio 2014-2020: l’azione preparatoria sulla ricerca in materia di difesa (90 milioni di € per il periodo 2017-2019) e il programma europeo di sviluppo del settore industriale della difesa (500 milioni di € per il 2019 e il
2020).

L’accordo odierno sarà seguito da una votazione in sede di Parlamento europeo e di Consiglio per adottare formalmente il testo. La Commissione si sta preparando fin dall’accordo parziale
del 2019 per garantirne l’applicabilità già a partire da gennaio 2021.

Prossime tappe

Il 10 novembre 2020 il Parlamento europeo, gli Stati membri in sede di Consiglio e la Commissione europea hanno raggiunto un accordo politico sul prossimo bilancio a lungo termine
dell’UE e sullo strumento NextGenerationEU
.

Prossima tappa: è urgente l’adozione, come testo legislativo, del pacchetto QFQ accompagnata dalla ratifica della decisione sulle risorse proprie.

Una volta adottato, il bilancio a lungo termine dell’UE costituirà, insieme allo strumento temporaneo NextGenerationEU concepito per stimolare la ripresa, il più grande pacchetto di incentivi mai
finanziato dal bilancio dell’UE. Un importo totale di 1.800 miliardi di € contribuirà alla ricostruzione dell’Europa post-COVID-19: sarà un’Europa più verde, più digitale e più resiliente.

Contesto

Il Fondo europeo per la difesa è l’iniziativa chiave della Commissione intesa a
sostenere, tramite il bilancio dell’UE, la ricerca collaborativa e lo sviluppo delle capacità di difesa. Nell’ambito del prossimo quadro finanziario pluriennale dell’Unione (2021-2027),
il Fondo sosterrà finanziariamente consorzi di enti di diversi Stati membri che intraprendano attività di ricerca cooperativa nel settore della difesa e sviluppo di prodotti e tecnologie della
difesa
. Il Fondo prevede inoltre meccanismi per incoraggiare la partecipazione delle PMI a progetti transfrontalieri nel settore della difesa, contribuendo all’apertura delle catene di
approvvigionamento europee nel settore.

Per saperne di più

Industria europea per la difesa

Comunicato stampa sul varo del Fondo europeo per la difesa

Comunicato stampa sulle prime sovvenzioni per la ricerca nel settore della difesa

Comunicato stampa sulla proposta relativa al Fondo europeo per la difesa 2021-2027

Comunicato stampa sull’accordo provvisorio sul futuro Fondo europeo per la difesa

Comunicato stampa sul tema “Preparare il terreno per i primi progetti industriali comuni a titolo
del bilancio dell’UE”

Ulteriori informazioni sul programma di lavoro relativo all’azione preparatoria sulla ricerca
in materia di difesa (PADR) e sugli inviti a presentare proposte

Ulteriori informazioni sul programma di lavoro relativo all’azione preparatoria sulla ricerca in
materia di difesa (EDIDP) e sugli inviti a presentare proposte

Piano per la ripresa

Bilancio a lungo termine dell’UE 2021-2027 e NextGenerationEU

Corsi e convegni

Economia

Economic Report

Eventi

News Europa

Promo

Sport