La demografia d’impresa nelle province di Treviso e Belluno al 31.03.2022

L’effetto volano dei vari bonus sostiene ancora la crescita delle imprese nell’edilizia e nelle attività immobiliari, tanto a Treviso quanto a Belluno. Aumentano le imprese anche nel terziario avanzato. Risultano in contrazione i comparti del manifatturiero e del commercio.


Economia - pubblicata il 02 Maggio 2022


https://www.trevisobellunosystem.com/tvsys/img/notizie/camera-commecio-treviso-belluno-dolomiti-bellezza-impresa.jpg
Fonte: ufficio stampa Presidenza della Camera di Commercio di Treviso Belluno|Dolomiti
I numeri della demografia d’impresa – commenta il Presidente della Camera di Commercio Mario Pozza – risentono certamente della scia positiva generata dall’Ecobonus 110% e dagli
altri bonus: solo a Treviso quasi metà dell’aumento del numero di imprese è determinato da quello che succede nel settore dell’edilizia. A Belluno, senza l’edilizia e le attività immobiliari, il
bilancio sulla demografia d’impresa sarebbe in negativo. Quindi, per carità, visti i tempi, teniamoci stretta questa “onda lunga” nell’edilizia: però ho più volte sottolineato – continua il
Presidente Pozza – i rischi sottesi ad una domanda così “pompata”, soprattutto ora che stanno lievitando i costi aziendali, a discapito soprattutto delle piccole imprese artigiane, e con
la questione per nulla chiara della cessione dei crediti. Inoltre, il settore è giusto alla saturazione della sua capacità produttiva: e quindi l’altro rischio è che s’innestino componenti spurie
nel nostro tessuto produttivo, con tutto ciò che ne consegue.
Fuori da questa fibrillazione dell’edilizia, non dobbiamo piuttosto dimenticarci – prosegue il Presidente – che continua a soffrire il commercio, sia a Treviso che a Belluno, come
anche una quota parte più fragile del manifatturiero.
I servizi per il turismo paiono invece in risveglio, anche per altri dati di contorno che incominciamo ad acquisire (in particolare dal nostro aeroporto). Ma anche su questo settore –
conclude il Presidente – bisogna capire come si sta modificando il nostro tessuto imprenditoriale: in entrambe le province aumentano tanto le sedi d’impresa, quanto le filiali, le reti
plurilocalizzate, magari che fanno capo a catene con sede fuori territorio. E’ un bene che arrivino investimenti, ma è altrettanto doveroso assicurarci, noi attori del territorio, la qualità di
questi investimenti, la loro capacità di generare interazioni virtuose con il territorio.

Corsi e convegni

Economia

Economic Report

Eventi

News Europa

Promo

Sport