Laboratorio su dati regionali per la Smart Region. Agenda Digitale, Calzavara: I dati sono un bene pubblico con cui creare servizi innovativi per i cittadini

Sono stati presentati 17 progetti realizzati in tutta Italia, dagli enti che hanno aderito all’iniziativa regionale, approfonditi in cinque tavoli tematici specifici per proseguire il lavoro di concertazione, condivisione, collaborazione


Economia - pubblicata il 11 Maggio 2021


https://www.trevisobellunosystem.com/tvsys/img/notizie/giunta_regionale_veneto.jpg

Fonte: ufficio stampa Giunta Regione Veneto

La gestione dei dati oggi rappresenta una delle sfide fondamentali, dove gli enti pubblici devono trovare il proprio ruolo e dare valore all’enorme quantità di dati che sono chiamati a
gestire. Deve essere chiaro che i servizi del futuro passano attraverso una corretta e organizzata gestione dei dati; gestione nella quale l’ente pubblico deve fungere da arbitro capace di
sovrintendere alle regole di tutela del cittadino, tanto quanto alla realizzazione di servizi innovativi, ma al tempo stesso utili.

Lo dichiara l’Assessore regionale alla Programmazione, Bilancio, Agenda Digitale e ICT, Francesco Calzavara, commentando l’esito del lavoro realizzato in occasione del Laboratorio di
co-design SMART REGION. Quale strategia per i dati regionali?. L’iniziativa, promossa dalla Regione del Veneto, ha lo scopo di stimolare il confronto tra le PA e il mercato sul tema della
gestione dei dati per il governo delle comunità territoriali. Quest’anno i temi trattati, nello specifico, sono stati il trasporto pubblico locale, viabilità veicolare, IOT (Internet of Things)
in ambito urbano e Smart Region. Sono stati presentati 17 progetti realizzati in tutta Italia, dagli enti che hanno aderito all’iniziativa regionale, approfonditi in cinque tavoli tematici
specifici per proseguire il lavoro di concertazione, condivisione, collaborazione.

Vorrei ringraziare in modo particolare anche i rappresentanti delle Università di Trieste, Padova, Venezia, Verona per aver condiviso le loro competenze su questo importante tema – ha
evidenziato Calzavara.

Il modello di innovazione digitale della nostra Regione – ha continuato l’Assessore regionale del Veneto – è incentrato su un’idea di territori connessi e smart cities, che condividono
la conoscenza e le risorse della comunità per migliorare la qualità della vita dei cittadini e la competitività delle imprese. Per raggiungere l’obiettivo è fondamentale sviluppare la
cooperazione tra tutte le forze dei territori, come lo è la cooperazione su scala nazionale ed europea, capace di individuare e sviluppare spazi autonomi sulle tecnologie (autonomia digitale) che
ci rendano più competitivi come regioni e come Nazioni. Spazi che possono essere realizzati solo grazie a modelli di data governance che garantiscano il principio di dati come bene pubblico,
gestito da autorità pubbliche e non lasciato alla sola gestione del mercato privato.

Le progettualità Venete sono coerenti con il PNRR e siamo pronti ad attuarle: aspettiamo solo di capire dal Governo il reale ruolo che avranno le regioni e i territori – ha concluso
Calzavara -. Perché un tema centrale come la trasformazione digitale deve essere momento di condivisione di strategie se si vuole raggiungere l’ambizioso obbiettivo di portare al 70% la
percentuale di cittadini tra i 16 e i 74 anni con conoscenze digitali di base.

In allegato la
lista dei progetti realizzati in Italia e presentati in occasione del Laboratorio di co-design SMART REGION. Quale strategia per i dati regionali?.

Corsi e convegni

Economia

Economic Report

Eventi

News Europa

Promo

Sport