Lo show “Che spettacolo di mestiere” ha fatto tappa al Dini Orsi di Conegliano

All’evento firmato Confartigianato Imprese Marca Trevigiana, realizzato dagli Alcuni, 200 gli studenti delle scuole medie Grava e Cima che hanno assistito


Eventi - pubblicata il 16 Novembre 2022


https://www.trevisobellunosystem.com/tvsys/img/notizie/confartigianato.gif

Fonte: Ufficio stampa Confartigianato Imprese Marca Trevigiana

A raccontarsi e raccontare il mestiere artigiano che quotidianamente svolgono sul palco del teatro Dini Orsi mercoledì mattina è toccato a Manuel Campardo e a Sabrina Doimo,
imprenditori associati a Confartigianato Imprese Conegliano, operanti nell’ambito della comunicazione e del benessere.
Oltre 200 gli studenti delle classi terze delle scuole medie cittadine Grava e Cima che hanno assistito alla piece e interagito con loro per comprendere cosa realmente significhi gestire
un’azienda, muovere da un’idea per trasformarla in attività e attraverso questa creare opportunità di lavoro e alimentare le proprie ambizioni, definire nuovi traguardi e impegnarsi a superarli.
I due artigiani non si sono risparmiati e ciascuno per la propria parte ha dettagliato il percorso che l’ha portato a traguardare il successo odierno.
L’agenzia di marketing coneglianese Rational Feelings, guidata da Manuel Campardo è una realtà under 35 e il suo organico è a maggioranza femminile, con 5 donne su 6
membri totali del team. Un’azienda giovane e fatta di giovani, che sta crescendo, all’interno della quale parità di genere e flessibilità lavorativa hanno raggiunto livelli che dovrebbero
normalmente esistere nel mondo del lavoro.
È stata una testimonianza positiva che ha parlato di impegno, intraprendenza e voglia di mettersi in gioco; una risposta alle perplessità verso le nuove generazioni in ambito lavorativo. Il
futuro dell’agenzia è permeato dalla voglia di continuare a crescere nel territorio per far brillare il valore delle aziende venete, una ricchezza che spesso rimane celata.
Sabrina Doimo, opera nel settore del benessere e della cura della persona dal 2001, evolvendosi costantemente per offrire al cliente trattamenti estetici specifici per la cura della
persona grazie anche al supporto di attrezzature e macchinari HI -Tech. Ad oggi è titolare di Solio estetica e benessere e ha da poco costituito in città un poliambulatorio. La sua
esperienza dimostra ai ragazzi come sia possibile inseguire le proprie passioni con volontà e dedizione, anche quando inseguire i propri sogni significa staccarsi dall’attività di famiglia e
cimentarsi a fare impresa in un altro settore.
“CHE SPETTACOLO DI MESTIERE” è la produzione de Gli Alcuni realizzata in collaborazione con Confartigianato Imprese Marca Trevigiana, nella quale gli imprenditori artigiani
discutono e spiegano ai ragazzi il loro lavoro, dettagliandone sfumature e sfaccettature.
Muovendo dal racconto dal vivo in prima persona portato da artigiani soci, della propria attività imprenditoriale, dalle prime esperienze nel mondo del lavoro alla creazione e affermazione della
propria impresa, il progetto “Che spettacolo di mestiere” ha come fine quello rendere note ai giovani studenti le molteplici opportunità professionali che il mondo artigiano offre. Un’occasione
che dal 2017 ad oggi è stata colta da più di 3mila studenti che hanno assistito e partecipato attivamente allo show, scoprendo le opportunità che le imprese artigiane riservano muovendo dalla
condivisione della professionalità e del valore tecnico, economico e sociale insito nel mestiere. Un bagaglio di informazioni utili per la scelta che gli studenti dell’ultimo anno sono chiamati a
fare per il loro futuro formativo e professionale.
Il format è stato quello dello spettacolo teatrale basato sull’interazione tra attori e spettatori attraverso gag, video e quiz a tema e ha visto, a conclusione della piece, l’assegnazione di un
tablet alla classe vincitrice. Sui palcoscenici dei teatri della Marca si sono susseguiti i racconti delle storie imprenditoriali della ceramica, della tappezzeria, dei mobili, della
carrozzeria, della produzione di macchine agricole, del trasporto, dell’edilizia, della calzatura, degli impianti, dei servizi alla persona e di quelli correlati alla comunicazione.
Un progetto che ha messo in relazione scuola e impresa in maniera dinamica e divertente, invitando i ragazzi a guardare al loro futuro e a scoprire le peculiarità dell’artigianato tra cui
ingegno, capacità di innovare, creatività, abilità manuale, flessibilità oltre a una forte passione unita al coraggio di rischiare per trasformare in realtà una propria idea d’impresa.
L’iniziativa rientra le molteplici azioni che Confartigianato Imprese Marca Trevigiana realizza di concerto con le scuole, di vario ordine e grado, per facilitare la conoscenza del patrimonio
imprenditoriale artigiano, presentandolo nella sua veste attuale con le sue dinamiche evolutive.

Corsi e convegni

Economia

Economic Report

Eventi

News Europa

Promo

Sport