Pozza: imprenditoria femminile capacità di fare squadra creando connessioni e fiducia nel fare impresa

Premiamo le imprenditrici e guardiamo al futuro con il Premio tesi di laurea e dottorato di ricerca


Economia - pubblicata il 17 Gennaio 2023


https://www.trevisobellunosystem.com/tvsys/img/notizie/imprenditoria_femminile.jpg

Fonte: Ufficio stampa Presidenza della Camera di Commercio di Treviso – Belluno | Dolomiti

Treviso, 16 gennaio 2023. In questi anni – commenta il Presidente della Camera di Commercio di Treviso – Belluno |Dolomiti e Assocamerestero Mario Pozza
ho avuto l’onore di premiare, in occasione del premio del Comitato imprenditoria femminile, idee d’imprenditoria creativa capace di proporre nuovi modelli di business, servizi e prodotti
profilati per nicchie di mercato nuove. Ho individuato nella collaborazione al femminile un plus di cui ha bisogno il nostro ambito economico. Si tratta della capacità di fare squadra creando
connessioni che generano fiducia reciproca e così fiducia nel fare impresa. La Camera di commercio è qui per sostenere le connessioni, favorire le collaborazioni fattive, affrontare insieme le
difficoltà per superarle e puntare sullo stile al femminile che caratterizza nel mondo il Made in Italy. Con la Giunta camerale abbiamo previsto uno stanziamento di € 50.000,00 per un fattivo
sostegno programmatico e guardiamo al futuro con il Premio tesi di laurea e dottorato di ricerca.

Passo dopo passo – evidenzia la Presidente del Comitato Imprenditoria femminile Barbara Barbon – la donna imprenditrice si fa sempre più portatrice di nuovi stili
di leadership. Sempre più inclusivi, sostenibili, accoglienti e armoniosi, che mettono al centro la “persona” con tutte le sue peculiarità. È l’esempio di come si può attraversare un cambiamento
in atto senza perdere i propri obiettivi.

Al primo semestre 2022 il sottoinsieme delle imprese femminili, costituito da 16.161 sedi in provincia di Treviso e da 2.921 unità in provincia di Belluno, rappresenta oltre un quinto delle
imprese trevigiane e di quelle bellunesi. A Treviso le imprese femminili crescono, sia rispetto al primo semestre 2021 (+157) che rispetto al triennio precedente (+257), mentre a Belluno sono in
lieve flessione (rispettivamente -6 e -14). Delle 127 startup innovative femminili venete, che Unioncamere ha registrato al terzo trimestre 2022, il 18% ha sede nelle province di Treviso e
Belluno: 21 sono quelle trevigiane (+3 unità rispetto al 2019) e 2 quelle bellunesi concentrate quasi esclusivamente nel manifatturiero e nei servizi alle imprese.

Il Comitato per la promozione dell’Imprenditoria Femminile, operativo in Camera di Commercio dal 2000 e rinnovato l’anno scorso per il quinquennio 2022-2026, è attualmente costituito da 14
Componenti, di cui 13 in rappresentanza delle Associazioni di categoria, espressione dei settori economici maggiormente rappresentativi a livello provinciale, a cui si aggiunge una Componente –
espressamente prevista dal Protocollo d’Intesa – in rappresentanza del Consiglio camerale.

Lo scorso 13 luglio il Comitato ha eletto al suo interno la propria Presidente, Barbara Barbon, e due Vice Presidenti: Lorenza Orzes e Moira Fontana. Le altre Componenti sono costituite da:

Ilaria Pempinella che insieme alla Presidente ed alle due Vice Presidenti risultano in rappresentanza del settore artigiano;

Valentina Cremona e Edda Francesconi Sartori in rappresentanza del settore commercio-servizi;

Martina Dal Grande, Silvia Grillo e Chiara Bortolas in rappresentanza del settore agricoltura;

Nadia Zampol e Katia Marchesin in rappresentanza del settore industria;

Stefania Padoan in rappresentanza del settore assicurazioni-banche;

Sara Pasqualin in rappresentanza delle Organizzazioni Sindacali;

Ivana Del Pizzol in rappresentanza del Consiglio camerale.

Il Comitato opera al fine di promuovere e valorizzare il ruolo delle donne nel mondo imprenditoriale secondo quanto previsto dal Protocollo d’Intesa, stipulato tra il Ministero dello Sviluppo
Economico e l’Unione Italiana delle Camere di Commercio. In particolare ha il compito di:

a. operare, nell’ambito della programmazione delle attività camerali e d’intesa con le Camere, per lo sviluppo e la qualificazione della presenza delle donne
nel mondo dell’imprenditoria secondo i principi del mainstreaming e dell’empowerment;

b. partecipare alle attività delle Camere coniugando lo sviluppo dell’imprenditoria locale in un’ottica di genere;

c. promuovere indagini conoscitive sulla realtà imprenditoriale locale, per individuare opportunità di accesso e di promozione delle donne nel mondo del lavoro e dell’imprenditoria in
particolare;

d. promuovere iniziative per lo sviluppo dell’imprenditoria femminile, anche tramite specifiche attività di informazione, formazione imprenditoriale e professionale e servizi di assistenza
manageriale mirata, anche utilizzando le tecnologie dell’informazione e della comunicazione;

e. attivare iniziative volte a facilitare l’accesso al credito;

f. curare la divulgazione nel territorio delle iniziative e delle attività di ricerca e studio sullo sviluppo locale promosse dalle Camere di Commercio;

g. proporre iniziative, anche in collaborazione con soggetti terzi che svolgono attività di promozione e sostegno all’imprenditoria femminile;

h. costruire relazioni con il mondo dell’istruzione e della formazione, comprese scuole, Università e Istituti di ricerca per promuovere progetti innovativi che favoriscano le pari
opportunità e in particolare valorizzino e qualifichino le imprese gestite da donne;

i. coinvolgere gli stakeholder locali, per far confluire nella programmazione camerale obiettivi inerenti la promozione delle pari opportunità e le politiche di genere.

Lo scorso dicembre la Giunta camerale ha approvato il piano delle attività denominato “Nuove prospettive, stati di cambiamento” da realizzare nel corso del 2023, le cui
principali azioni riguardano:

Percorsi di Alta Formazione rivolti sia alle Componenti del Comitato che alle aspiranti imprenditrici ed alle imprenditrici in essere che vogliono consolidare le
loro conoscenze;

Premio Imprenditoria Femminile come riconoscimento alle imprese femminili che siano distinte in tema di innovazione come strumento valoriale culturale di
cambiamento;

Premio tesi di laurea/dottorato di ricerca al fine di premiare le tesi o i dottorati di ricerca di studenti residenti nelle province di Treviso e Belluno e
laureati in qualsiasi Ateneo e con oggetto il mondo dell’imprenditoria femminile nella trasversalità degli aspetti che la contraddistinguono;

Convegno – Strumenti di certificazione per il cambiamento culturale. Il Family Audit e la Certificazione della Parità di genere. Progetto organizzato in
collaborazione con Unioncamere Nazionale e i Comitati per l’Imprenditoria Femminile delle Camere di Commercio di Trento e Bolzano. Testimonianza della Cooperativa “Il Girotondo delle mamme” di
Oderzo e di aziende dei territori certificate;

Progetto di ricerca “Donne e imprenditorialità: valorizzare la leadership femminile al futuro” come indagine qualitativa sugli stili manageriali da condurre con
il supporto del Competency Centre dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e in collaborazione con l’Osservatorio Economico e Sociale della Camera di Commercio;

Partecipazione del Comitato alla seconda edizione del Festival Treviso Città per le Donne, iniziativa promossa dal Comune di Treviso, la Commissione per le Pari
Opportunità e Progetto Donne Veneto con il supporto di Spazio Donna Treviso, in programma per il primo fine settimana del mese di Maggio 2023;

Ciclo di conferenze su temi di interesse trasversali alle donne oltre a iniziative in collaborazione con gli altri Comitati della rete nazionale delle Camere di
Commercio ed in collaborazione con Enti, Associazioni, Commissioni, ecc.

A fronte e per la realizzazione di tale programma la Giunta camerale ha previsto uno stanziamento massimo pari a € 50.000,00.

Continua in
allegato (…)

PROGRAMMA ATTIVITA’ 2023

Slide report imprese Femminili al 30 giugno 2022

Corsi e convegni

Economia

Economic Report

Eventi

News Europa

Promo

Sport