Suoni di Marca 2024 – con il contributo della Camera di Commercio di Treviso – Belluno|Dolomiti. Dal 12 al 27 luglio 2024

16 serate di musica e altro ancora sulle mura di Treviso. Tutte le serate di Suoni di Marca 2024 sono infatti a ingresso libero con contributo responsabile


Eventi - pubblicata il 04 Luglio 2024


https://www.trevisobellunosystem.com/wp-content/uploads/2024/07/Suoni-di-Marca2024.jpg

Fonte: ufficio stampa Suoni di Marca

Scarica il Programma Suoni di Marca 2024 con tutte le date

Dal 12 al 27 luglio 2024 torna Suoni di Marca Festival a Treviso. Come da tradizione, l’estate trevigiana si tinge di musica e le Mura storiche della città sono pronte a diventare ancora una volta il cuore pulsante di una delle manifestazioni italiane più longeve di sempre. Un festival pensato per un pubblico di tutte le età, con una grande proposta che varia dall’intrattenimento alle zone relax accessibili a tutti, dalla musica live e i di set sui palchi San Marco, Caccianiga e Santi Quaranta agli stand della Mostra-Mercato e del Percorso del Gusto, fino all’Area Bimbi.

Sono davvero lieto che l’estate trevigiana ascolterà le note di Suoni di Marca – evidenzia il Presidente della Camera di Commercio di Treviso – Belluno|Dolomiti Mario Pozza – Manifestazioni di qualità artistica e promozionale come Suoni di Marca fanno vivere un’intera città rendendola attrattiva e viva per i cittadini e turisti favorendo le attività economiche.

Si crea così  un’armonia volta a un turismo sostenibile che rinnova il tessuto sociale vissuto in rete tra istituzioni pubbliche, Camera di Commercio e il Comune e le aziende private che fanno buona impresa a vantaggio di tutti.

Guardare ai giovani e creare eventi conviviali nella qualità dell’offerta, ci porta ad una città che guarda con fiducia a nuove occasioni per creare comunità, legami sociali solidi e un’accoglienza per il turista sempre più strutturata.

«Suoni di Marca fa ormai parte del patrimonio culturale di Treviso ed è anche per questo che, con orgoglio, siamo al fianco di questa iniziativa che ogni anno trasforma le nostre mura in un palcoscenico internazionale, un luogo dove la musica unisce persone di ogni età e provenienza. – Commenta Claudio Alessandrini Direttore Generale di CentroMarca Banca, sponsor del FestivalÈ un evento dove la musica si fonde con la cultura, la tradizione e le eccellenze del territorio, una manifestazione che va oltre il concetto di festival in quanto potente strumento di unione e creazione di comunità. Un’occasione per creare valore aggiunto e per promuovere il benessere e la sinergia tra persone, famiglie e territorio, valori che per CentroMarca Banca sono da sempre fondamentali

Tutto questo rispecchia l’impostazione delle edizioni più recenti della kermesse ma con una sostanziale differenza rispetto alla precedente: non ci saranno più concerti “a biglietto”. Tutte le serate di Suoni di Marca 2024 sono infatti a ingresso libero con contributo responsabile per poter accedere all’intera area, compresa quella dei palchi. Un piccolo gesto per supportare simbolicamente i grandi costi organizzativi, di sicurezza e pulizia tenuti dal Festival dopo un lungo periodo di ripresa per quanto riguarda la musica dal vivo e più in generale gli eventi aggregativi. Un gesto di grande valore per una delle manifestazioni cittadine simbolo a livello nazionale.

Suoni di Marca è da sempre attento a ridurre il proprio impatto ambientale: attenzione e cura per il territorio hanno sempre caratterizzato la kermesse e la vincente e ormai storica collaborazione con Contarina. Un grande lavoro di squadra che ormai da diverse edizioni consente di superare il 90% di raccolta differenziata, grazie all’impegno attivo ed efficiente di oltre cento giovani volontari che vengono formati da Contarina per dare supporto alla corretta gestione dei rifiuti e per garantire la pulizia e il presidio dell’area del festival per l’intera durata dell’evento grazie anche alla presenza dei vari EcoPunti dislocati lungo tutta l’area del festival.

«Ricordiamoci che separare e differenziare i rifiuti è un gesto potente, una dimostrazione di consapevolezza: una piccola azione che, se fatta da tante persone, porta a grandi cambiamenti. La proficua collaborazione tra Suoni di Marca e Contarina ne è una dimostrazione concreta.

Siamo molto contenti di poter contribuire alla buona riuscita di questa manifestazione, che richiama moltissime persone e coinvolge anche numerose realtà locali. Ridurre e riciclare i rifiuti porta vantaggi all’Ambiente e al nostro territorio.» Dichiara il presidente di Contarina Sergio Baldin.

L’affiatamento del gruppo di volontari e l’inclusività nell’accogliere ogni anno nuove persone si rispecchia nell’ambiente familiare che si ricrea durante le settimane della manifestazione.

Un’occasione per stare in compagnia, imparare e fare nuove amicizie, non è un caso quindi che col passare delle edizioni questo gruppo sia diventato sempre più numeroso, giovane e popolare anche tra gli studenti che devono avviare la pratica dell’alternanza scuola-lavoro.

Sedici serate ricche di musica e dedicate ai grandi nomi del panorama locale, nazionale e internazionale. Gli ospiti sono sempre numerosissimi e sapientemente distribuiti tra il Palco Caccianiga e Santi Quaranta, su cui si alternano live e di set prima e dopo i concerti principali, e il Palco San Marco, main stage storico su cui si esibiscono gli headliners. Ce n’è per tutti i gusti, dal rap al cantautorato, dal rock alla musica elettronica arrivando fino all’indie e al folk.

«Se dovessimo riassumere in due parole l’obiettivo della direzione artistica di Suoni di Marca diremmo: qualità e inclusività – dichiara Paolo Gatto, direttore artistico del Festival – Entrambi punti cardinali con cui ogni anno viene costruito il nostro ricco calendario, sempre attento ad accontentare il grande pubblico, ma che non esclude le scelte più curiose e interessanti, mantenendosi al passo coi tempi, dando il giusto spazio a nomi nazionali, internazionali e del territorio trevigiano.»

SCOPRI IL PROGRAMMA:

La linea artistica non cambia, lo si nota già dai primi noti svelati nelle ultime settimane: i Santi Francesi (venerdi 12 luglio), reduci dai successi di X Factor e Sanremo; Valerio Lundini & I Vazzanikki (sabato 13), col loro nuovo spettacolo tra canzoni e gag surreali; il doppio set di Casino Royale e Duo Bucolico (domenica 14); l’ospite internazionale Sophie & The Giants (lunedi 15); Gio Evan (martedi 16), dove la musica e la poesia del viaggio si incontrano; Tango Y Cielo (mercoledì 17), quando le Mura di Treviso diventano una milonga sotto le stelle; Paolo Benvegnù e La Crus (giovedi 18), il ritorno del grande cantautorato italiano degli anni Novanta/Duemila; gli Eugenio In Via Di Gioia (venerdì 19), l’unica data in Veneto della loro tournée estiva; Tony Esposito e Teresa De Sio (sabato 20), due voci iconiche della musica napoletana; Willie Peyote (lunedi 22), il punto d’incontro ideale tra rap e cantautorato impegnato nel sociale; Donatella Rettore (martedi 23), un’icona del pop italiano dagli anni Settanta a oggi; 80 Festival – Radio Company (mercoledì 24) in compagnia di DJ Harry Morry, del vocalist Mauro Tonello e dell’ospite spciale Gazebo; Matthew Lee (giovedi 25), il pianoforte rock ‘n’ roll che ha conquistato il mondo; i Planet Funk (venerdi 26), in uno show A/V visionario e coinvolgente; e i Modena City Ramblers (sabato 27), combat folk da ballare e cantare a squarciagola.

L’ultima grande sorpresa del calendario 2024 è la serata di domenica 21 luglio dedicata alla ricca scena trevigiana. The Atom Tanks, Gianluca Mosole Band e Tolo Marton, tre artisti di punta rappresentativi di più generazioni e scuole musicali, dal rock al reggae, dallo ska al blues.

Scarica il Programma Suoni di Marca 2024 con tutte le date

I primi, attivi dal 2012 e giunti al loro tour d’addio, hanno lasciato il segno ovunque passassero col loro sound meticcio caratterizzato da un’atmosfera energica e graffiante, sempre carichi come molle per incantare e far ballare. Quello di Giovanni Mosole a Suoni di Marca è il grande ritorno di uno dei chitarristi italiani più rinomati in patria e all’estero. La versatilità con cui Mosole passa tra i virtuosismi fusion e la passione blues che si mescolano con elementi rock, pop, r&b e funky ha permesso al musicista trevigiano di farsi apprezzare da un vasto pubblico, arrivando addirittura ad aprire alcune tappe italiane dei tour di Sting e di Miles Davis. A completare il trittico c’è Tolo Marton, altra grande eccellenza chitarristica nel mondo. Nato a Treviso ma col cuore puntato verso gli Stati Uniti di Jimi Hendrix e il Regno Unito di Cream e Deep Purple, Marton si è guadagnato fin da giovane l’appellativo di guitar hero grazie alle numerose esibizioni nel mondo e incisioni come frontman e turnista. Vinse nel 1998 il Jimi Hendrix Electric Guitar Festival e suonò insieme a importanti artisti di fama mondiale quali Jack Bruce e Ginger Baker dei Cream, Roger Glover, Ian Paice e Don Airey dei Deep Purple, Bobby Whitlock dei Derek and the Dominos e Le Orme a metà anni Settanta e nell’ultimo tour celebrativo.

Una scena locale affermata su più livelli insieme agli astri nascenti nell’underground, la musica locale passa anche per le Mura di Treviso che da diversi anni ha aumentato le esibizioni live affiancando al Palco San Marco i palchi Caccianiga e Santi Quaranta aperti tutte le sere dalle 19.00 col meglio degli artisti emergenti e di set.

Altro esempio lampante dell’attenzione da parte di Suoni di Marca nei confronti del territorio. Continua Paolo Gatto: «A 34 anni dalla sua nascita, Suoni di Marca, manifestazione precedentemente conosciuta dal 1990 come Randevù, Mura di Not(t)e e Ritmo in Villa, ha assunto una forma ben definita. Consolidata principalmente nell’ultimo decennio come punto d’unione tra le realtà musicali già affermate e quelle che continuamente nascono nel territorio, offre la possibilità agli artisti di esibirsi in uno spazio prestigioso proponendo il proprio repertorio di inediti a un pubblico eterogeneo come quello che solo una grande manifestazione può avere.

Scarica il Programma Suoni di Marca 2024 con tutte le date

Corsi e convegni

Economia

Economic Report

Eventi

News Europa

Promo

Sport