UPI Veneto a Padova, sul tavolo trasporto locale, PNRR e assemblea nazionale delle Province all’Aquila


Economia - pubblicata il 14 Settembre 2023


https://www.trevisobellunosystem.com/wp-content/uploads/2023/09/Upi-Veneto-logo.jpg

Fonte: ufficio stampa UPI Veneto

Si è svolto oggi nella sede della Provincia di Padova il Consiglio Direttivo di UPI Veneto: all’ordine del giorno, i temi del trasporto pubblico Locale, lo stato di attuazione dei progetti PNRR e l’assemblea nazionale al Teatro Stabile dell’Aquila. Hanno preso parte all’incontro Stefano Marcon, presidente UPI Veneto e presidente della Provincia di Treviso, Sergio Giordani, presidente della Provincia di Padova, Enrico Ferrarese, presidente della Provincia di Rovigo, Andrea Nardin, presidente della Provincia di Vicenza, Flavio Pasini, presidente della Provincia di Verona, Carlo Rapicavoli, segretario generale UPI Veneto e Paolino D’Anna, Consigliere delegato della Città Metropolitana di Venezia.

Il Consiglio di oggi è stato importante per condividere insieme ai presidenti e ai delegati le criticità che le Province, e gli Enti locali in generale, stanno attraversando in particolare sul fronte del trasporto pubblico locale – spiega Stefano Marcon, presidente UPI Veneto – i rincari sui costi energetici e sul carburante, determinati come già ben sappiamo dallo scenario internazionale attuale, hanno comportato un necessario adeguamento dei prezzi dei servizi in tutte le Province che, pur essendo organizzate in modo differente a livello di gestione del TPL a seconda delle esigenze intrinseche dei territori di competenza, attraverso dunque le modalità degli Enti di governo oppure con affidamenti in toto a società private, hanno dovuto rivedere i piani mobilità, nel rispetto delle linee guida indicate dalla Regione. L’obiettivo che ci siamo posti oggi è quello di redigere insieme una proposta condivisa, da discutere insieme alla Regione Veneto e, in una fase successiva, con il Governo, che riassuma le peculiarità dei nostri territori e individui una soluzione valida in tempi celeri. Prima necessità fra tutte, comunque, resta l’integrazione del Fondo Nazionale per i Trasporti (che, dal 2021, non viene più rimpinguato) in modo proporzionale agli aumenti di energia e carburanti avvenuti nell’ultimo anno: si tratta di un’istanza che abbiamo già presentato più volte e per la quale, attualmente, non abbiamo ricevuto riscontro, ma che sicuramente ripresenteremo restando sempre a disposizione per un confronto condiviso con il Governo sul tema.

Sul fronte PNRR, riporto con orgoglio e soddisfazione i risultati della rilevazione effettuata da UPI Veneto sullo stato di avanzamento delle opere realizzate da Province e Città Metropolitana: nonostante le difficoltà determinate dai ritardi nell’arrivo dei materiali nei cantieri e dalla necessità di adeguare i quadri economici degli interventi, tutti siamo riusciti a rispettare le scadenze fissate dal Piano per il 15 settembre e, a oggi, sono in corso solo le gare per l’affidamento dei lavori nelle palestre. Due le questioni ancora da risolvere e che come UPI porremo nuovamente all’attenzione del Governo, in vista della prossima legge di bilancio, ovvero la possibilità di ricorrere ai ribassi d’asta e il nodo dei fondi da reperire per adeguare i prezzi dei cantieri già avviati e in parte finanziati dal PNRR (come il FOI, Fondo Opere Indifferibili per compensare i rincari dei prezzi, per esempio, da rendere disponibile anche per il 2024 e 2025).

A chiudere il cerchio dei temi affrontati, la presentazione di uno studio effettuato dalle Province di Padova, Vicenza e Verona sulle aree agricole di pregio e l’appuntamento del 10 e 11 ottobre al Teatro Stabile dell’Aquila, che ospiterà l’assemblea annuale di tutte le Province d’Italia organizzata da UPI nazionale e che fornirà un prospetto sulla riforma della legge 56/2014 e delle prossime fasi di lavoro.

Corsi e convegni

Economia

Economic Report

Eventi

News Europa

Promo

Sport