Vendemmia, a Ferragosto il via alla raccolta

Giustiniani: ““Favorevole andamento climatico, possibile raccolta in anticipo per le uve precoci”


Economia - pubblicata il 23 Luglio 2018


https://www.trevisobellunosystem.com/tvsys/img/notizie/confagricoltura_treviso.png

Fonte: ufficio stampa Confagricoltura Treviso

Treviso, 23 luglio 2018 – Si prevede per Ferragosto il via alla vendemmia in territorio trevigiano, con la raccolta delle uve precoci del Pinot grigio che, se continuerà il favorevole
andamento climatico, potrebbero essere pronte per finire nelle ceste. Per il Prosecco, invece, bisognerà aspettare i giorni a cavallo tra la fine di agosto e l’inizio di settembre. Si vendemmierà
molto probabilmente qualche giorno in anticipo rispetto al 2017, che già fu un’annata precoce. Non sarà però un anticipo record come il 2007, che registrò la vendemmia più precoce in assoluto.

“Il tempo è stato favorevole, con il giusto caldo e le piogge che hanno fatto crescere molto bene l’uva – dice Lodovico Giustiniani, presidente provinciale e regionale di
Confagricoltura -. Se l’andamento continuerà così, con una buona piovosità e in assenza del caldo africano, prevediamo che a cavallo di Ferragosto dovremmo essere pronti per la
raccolta. Ci sono stati fenomeni meteo spiacevoli, di grandinate e trombe d’aria che hanno causato danni anche gravissimi, ma sono stati circostanziati ad alcune zone, come quelle dell’Opitergino e
del Montebellunese. In generale è stata un’ottima stagione, senza gelate e una buona fertilità delle gemme. Dal punto di vista sanitario le uve sono buone e la produzione è abbondante, in crescita
soprattutto per la Glera e le uve bianche”.

Un momento di difficoltà si registra per il Pinot Grigio delle Venezie, che non riesce ancora a decollare sul mercato: “Il consorzio ha chiesto lo stoccaggio di 30 quintali a
ettaro, in modo da portare la resa a 150 e abbassare il quantitativo di prodotto da immettere sul mercato – spiega Giustiniani -. Una sofferenza dovuta al periodo di transizione
dall’igp al doc, anche perché le scorte dell’igp non sono ancora terminate. Auspichiamo che la doc riesca a trovare una sua nicchia di mercato e a ripagare i tanti viticoltori che ci hanno creduto
e hanno investito”.

Per quanto riguarda i prezzi, la situazione è più serena rispetto all’annata 2017, quando le quotazioni di Prosecco si impennarono a causa della ridotta produzione di uva
conseguente alle gelate primaverili e alla grande richiesta del mercato. “Tensioni non ne prevediamo – sottolinea Giustiniani. – I prezzi dovrebbero essere nella norma, forse in
leggero calo”.

Infine, un cenno ai voucher. Con la vendemmia alle porte, la speranza è che il governo riesca a introdurli in tempo: “Il contratto di prestazione occasionale è costoso, burocratico
e complicato – sottolinea il presidente -. Le nostre aziende sono restie a utilizzarlo, in quanto aggiunge un carico burocratico che comporta un grande dispendio di tempo ed è causa di ulteriori
costi. Ci auguriamo che si torni a un sistema ottimale e flessibile carato sulle attività stagionali, considerato che nel 2016, l’ultimo anno in cui i voucher sono stati impiegati, il loro impiego
in agricoltura in provincia di Treviso è stato pari al 7,5%”.

Corsi e convegni

Economia

Economic Report

Eventi

News Europa

Promo

Sport