Vinitaly 2019: la cantina Le Manzane si rinnova con il restyling delle bottiglie in codice Braille

Tutte le novità della tenuta di San Pietro di Feletto (TV)


Promo - pubblicata il 02 Aprile 2019


Fonte: ufficio stampa cantina Le Manzane

Veste grafica rinnovata per le bottiglie di Prosecco Docg Brut ed Extra Dry in codice Braille, etichette più moderne e unità di stile. I magnum passano da 2 a 4. Al salone veronese debutta lo
stand a due piani

San Pietro di Feletto, 27 marzo 2019_Nuove etichette per la cantina Le Manzane. Ernesto, Silvana, Marco e Anna presenteranno ufficialmente al
Vinitaly 2019 (dal 7 al 10 aprile) il Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg sia in versione brut che extra dry in una
veste rinnovata. Con questo progetto grafico, la tenuta di San Pietro di Feletto (TV) ha voluto interpretare lo spirito giovane, glamour ed elegante delle bollicine più amate al mondo, rafforzando
al tempo stesso l’identità del brand.

L’elemento caratterizzante delle nuove etichette – spiega Ernesto Balbinot, titolare dell’azienda – sono dei rettangoli impreziositi da due glitter,
color argento per il brut eoro per l’extra dry, mentre è stato mantenuto il logo PaperCigno per rafforzare la continuità dell’immagine aziendale. Il claim
della cantina Le Manzane è “To Be Happy” perché lavorare con il sorriso è il nostro motto e poi perché il prosecco è un generatore di buon umore: ha saputo ritagliarsi una sua
identità di bollicina spensierata che ben si adatta sia a momenti formali che informali. Con il progetto della nuova immagine coordinata è stato realizzato lo stesso restyling anche per le
referenze del Conegliano Valdobbiadene Docg Frizzante e dello spumante rosato “Roseo”. Le bottiglie sono arricchite da una speciale etichetta in Braille che consente anche alle
persone non vedenti di “leggere” alcune indicazioni utili come il nome del vino e della cantina, l’annata e il grado alcolico. L’idea dell’etichetta in Braille è nata nel 2013 dopo una cena al buio
con l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, la FISAR di Treviso e la cantina Le Manzane.

«Un’attenzione particolare – aggiunge Ernesto Balbinot – è stata riservata anche ai formati speciali creando un magnum che riprende, nelle forme e nei marchi, le fattezze
della bottiglia personalizzata da 0,75 potenziando ulteriormente il progetto di continuità comunicativa e di immagine non solamente nell’etichetta, ma anche nel formato. Sono state, inoltre,
aggiunte due nuove referenze magnum, il Conegliano Valdobbiadene Docg 20.10 sia nella versione brut che extra dry che affiancano le precedenti magnum prodotte di Conegliano Valdobbiadene Docg brut
ed extra dry con l’etichetta in Braille.

Infine una novità. Dato che eravamo “stretti” al Vinitaly, quest’anno abbiamo deciso di investire un po’ di più e di presentarci con uno stand a due piani: il piano inferiore
per accontentare i numerosi visitatori e wine lovers che ogni anno vengono a trovarci per degustare i nostri prodotti, il piano superiore per definire strategie e per preservare la privacy della
clientela più consolidata, senza però dimenticare che il Vinitaly deve essere un punto di incontro, ma anche un momento di festa per tutti, conclude Balbinot.

LA CANTINA SARÀ PRESENTE AL VINITALY, PADIGLIONE 4 STAND F7.

Corsi e convegni

Economia

Economic Report

Eventi

News Europa

Promo

Sport