Voucher 3i:18 milioni di euro di contributi alle start up innovative

Pubblicato monitoraggio su richieste incentivo. Agevolazioni concesse per valorizzare e tutelare le invenzioni attraverso brevetti


Economia - pubblicata il 27 Settembre 2021


https://www.trevisobellunosystem.com/tvsys/img/notizie/startup-innovazione-is-169.jpg

Fonte: ufficio stampa MISE

Venerdì, 24 Settembre 2021 – Sono oltre 18 milioni di euro i contributi concessi (su 21,3 milioni di euro richiesti) dal Ministero dello Sviluppo Economico alle startup
innovative
per sostenere la brevettabilità delle invenzioni attraverso l’incentivo “Voucher 3i – Investire In Innovazione“.
È il risultato che emerge da un monitoraggio realizzato dalla Direzione generale per la Tutela della Proprietà Industriale – Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, in collaborazione con Invitalia,
sulla misura sperimentale che era stata introdotta dal Decreto Crescita.
Nel corso del periodo di operatività dello strumento agevolativo, sono state presentate complessivamente 5.012 richieste di voucher da parte di 1.464 start up innovative. Di queste, 4.280
sono state le richieste a cui è stato riconosciuto il contributo, mentre 723 sono state le domande non ammesse perché mancanti dei requisiti previsti dalla normativa.
La percentuale di ammissione delle domande è stata quindi pari all’85,6% di quelle presentate. Un dato che conferma come la misura sia risultata di facile fruibilità per le startup innovative ma
anche l’importanza dello strumento per valorizzare e tutelare, in Italia e all’estero, i processi tecnologici attraverso la brevettabilità dell’invenzione.
In particolare, la quota maggiore dei servizi richiesti ha riguardato la fase di deposito della domanda di brevetto presso l’UIBM (48,8% delle domande presentate), a seguire quelli relativi alla
verifica in merito alla brevettabilità della propria invenzione e alla ricerca preventiva delle anteriorità (38,1%), nonché (13,1%) quelli riguardanti la procedura di estensione di un brevetto
nazionale all’estero.
I servizi richiesti sono stati forniti dai consulenti in proprietà Industriale (per l’89,2% dei voucher concessi) e dagli avvocati (10,8%).
L’incentivo ha interessato le start up innovative presenti su tutto il territorio nazionale, con una prevalenza in Lombardia, Emilia Romagna, Campania e Lazio.
Per maggiori informazioni

Corsi e convegni

Economia

Economic Report

Eventi

News Europa

Promo

Sport