Webinar Digitalizzazione nelle imprese culturali e creative: scenari di sviluppo per il Veneto

Il Presidente di Unioncamere Veneto, Pozza: settore strategico per il Pil del Veneto. La digitalizzazione un fattore decisivo nella fase del Covid-19, ma Musei e Teatri vanno riaperti


Economia - pubblicata il 09 Aprile 2021


https://www.trevisobellunosystem.com/tvsys/img/notizie/unioncamere-veneto.png

Fonte: ufficio stampa Unioncamere Veneto

Unioncamere del Veneto e l’attenzione per il mondo delle imprese culturali e del turismo per ribadire non solo che è al loro fianco, ma soprattutto per offrire servizi e strumenti in grado di
favorire i processi di digitalizzazione che possono rappresentare un nuovo sviluppo per il settore. È questo uno dei temi messi sotto i riflettori dal webinar di oggi dal titolo
Digitalizzazione nelle imprese culturali e creative: scenari di sviluppo per il veneto che Unioncamere del Veneto ha organizzato in collaborazione con l’ufficio OCSE di Venezia e
con le Camere di commercio del territorio.

Il Presidente Mario Pozza nel suo intervento ha sottolineato come: La cultura e il turismo rappresentano, senza ombra di dubbio, elementi strategici del sistema economico regionale che
contribuiscono in modo importante al PIL del Veneto ed alla sua crescita sociale ed intellettuale. In questa fase di Covid-19 imprese e istituzioni del settore culturale hanno dimostrato una
grande vocazione all’innovazione affidandosi alla tecnologia ed al mondo digitale per non smettere di fare cultura e questo può rivelarsi un modello da replicare anche in futuro per allargare la
propria platea di pubblico. Anche il turismo ha ricevuto un’importante spinta alla digitalizzazione che sicuramente non si arresterà una volta usciti dalla pandemia.

Siamo, tuttavia, convinti che la digitalizzazione da sola non basti per far ripartire il sistema turismo e cultura: il mondo della cultura, in particolare musei, cinema e teatri devono
riaprire e le imprese del turismo vanno supportate sia con incentivi che con interventi di potenziamento dell’offerta. Il sistema camerale veneto è a fianco delle imprese turistiche e delle
istituzioni culturali del Veneto e ne sostiene le istanze consapevoli del ruolo che hanno per il territorio, le comunità ed il tessuto economico locale.

Al webinar sono intervenuti anche il prof. Pier Luigi Sacco, Senior Advisor dell’OCSE, e il prof. Mario Volpe dell’Università di Venezia Ca’ Foscari. Nel corso dell’incontro è
emersa l’importanza del patrimonio culturale e artistico che è un indotto economico importante e strategico per il nostro territorio: nella nostra regione il settore nel 2019 registrava la
presenza di 23.200 imprese per un totale di 82.234addetti.

Le imprese culturali e creative – spiega Luigi Sacco – avranno un ruolo centrale nel ciclo di ripresa economica post-Covid ma è essenziale che intraprendano un percorso di
sviluppo e adozione di tecnologie digitali di ultima generazione. Questa è una sfida decisiva per il futuro prossimo dell’economia veneta e dovrebbe essere considerata e supportata con grande
attenzione.

Da una fotografia scattata da Unioncamere attraverso l’osservatorio dei Punti Impresa Digitale (PID) delle Camere di commercio emerge che dopo la prima fase di lockdown, da maggio a settembre
2020, sono aumentate di 4 punti percentuali le PMI che si sono dotate di strumenti per l’e-commerce (il 27% contro il 23% dello stesso periodo del 2019) e di +5 punti percentuali quelle che si
sono equipaggiate per l’e-payment (il 36% contro il 31%) e quasi un’impresa su tre ha realizzato o ha in programma di realizzare corsi di formazione 4.0 per il proprio personale.
Ma sicuramente resta ancora molto da fare soprattutto per quanto riguarda la digitalizzazione delle PMI: da una recente indagine di Unioncamere e Centro Studi delle Camere di Commercio Guglielmo
Tagliacarne su un campione di 3.000 imprese manifatturiere emerge che solo il 6% delle imprese è “arrivato al traguardo” o comunque è nel tratto finale del percorso della duplice transizione
ecologica e digitale. Mentre quasi 2 imprese su 3 sono ancora ai blocchi di partenza.
Il sistema camerale grazie al suo ruolo di interlocutore tra il mondo istituzionale e quello delle imprese, alla sua presenza capillare sul territorio e al ventaglio di servizi in costante
evoluzione giocherà un ruolo fondamentale nel processo di digitalizzazione anche nei prossimi anni attraverso iniziative di formazione e supporto alle imprese, in particolare PMI, e un ruolo
attivo nel processo di semplificazione amministrativa e digitalizzazione della PA.

Il sistema camerale veneto a seguito delle nuove competenze obbligatorie attribuite alle Camere di commercio in materia di valorizzazione del patrimonio culturale e di promozione del turismo
porta avanti numerosi progetti nel campo del turismo e della cultura facendo squadra con la Regione a partire dalla creazione dell’Osservatorio Turistico Regionale Federato e dalla realizzazione
di iniziative congiunte di promozione del marchio Veneto the Land of Venice. Ad alcune Camere, inoltre, è stato riconosciuto l’incremento del 20% del diritto annuo per finanziare progetti in
questo ambito e lo scorso luglio le Camere di commercio di Padova, Treviso-Belluno e Venezia-Rovigo sono formalmente sono entrate come socie del Teatro Stabile del Veneto. Nell’intento di rendere
gli investimenti delle Camere nelle politiche culturali capaci di maggiore incisività e di creare un nuovo dialogo tra istituzioni culturali e mondo imprenditoriale da novembre 2020 è stata
istituita la Consulta della Cultura promossa da Unioncamere del Veneto cui partecipano importanti esponenti del mondo culturale veneto.

Corsi e convegni

Economia

Economic Report

Eventi

News Europa

Promo

Sport