Welfare Day: sono più di 100mila i dipendenti delle pubbliche amministrazioni in Veneto

11 Aprile ore 15 a Padova occasione straordinaria. Verrà sottoscritto il documento di lavoro: “Impegni delle amministrazioni locali nei nuovi contratti di lavoro in merito all’attuazione del Welfare integrativo”.


Corsi e convegni - pubblicata il 10 Aprile 2019


https://www.trevisobellunosystem.com/tvsys/img/notizie/donna-al-computer.jpg

Sarà un giornata tutta dedicata al Welfare quella di Giovedì 11 aprile p.v. promossa dalla Regione del Veneto.

Nel pomeriggio alle ore 15.00 presso la Camera di Commercio di Padova – sala conferenze alla “stanga” – piazza Zanellato, 21 – Pd si terrà il convegno “Il welfare aziendale
nei nuovi contratti di lavoro della pubblica amministrazione”
occasione straordinaria di confronto tra la parte pubblica e quella sindacale per far emergere le buone prassi di Welfare
presenti negli enti del comparto delle funzioni locali del Veneto.

Il pomeriggio sul welfare pubblico, è frutto di una proficua intesa tra la Regione del Veneto, l’associazione Nazionale dei Comuni d’Italia – sezione del Veneto, l’Unione delle provincie del
Veneto, i Sindacati della Funzione pubblica CIGL CISL ed UIL del Veneto e le 5 camere di commercio.

Nella nostra regione sono più di 100.000 i dipendenti delle pubbliche amministrazioni 51.000 impiegati nella sola sanità e circa 40.000 negli Enti locali ( Regione, Provincie,
Comuni, Camere di Commercio ex IPAB, ecc.). Sono numeri importanti.

Il nuovo contratto di lavoro firmato, dopo molti anni di attesa, introduce un articolo che invita gli enti a promuovere azioni di Welfare nelle pubbliche amministrazioni.

In questi mesi tutti gli enti del comparto ” Funzioni locali” stanno dando attuazione ai contratti integrativi aziendali definendo le risorse che ciascun ente assegna alla
componente variabile del salario, la cosiddetta produttività, che remunera progetti di miglioramento e di maggiori servizi che le Amministrazioni si impegnano a realizzare con il proprio personale.

Nell’ambito dei nuovi contratti integrativi si dovrà dare contenuto alle azioni di Welfare.

E’ una occasione straordinaria di confronto tra la parte pubblica e quella sindacale per mettere in comune e far conoscere le migliori pratiche che ciascuna amministrazione ha già attuato
in questi anni pur in assenza di una specifica norma contrattuale.

Il nodo della questione sono le risorse a disposizione nei bilanci degli enti. Non mancano idee e progettualità. Inoltre sarà necessario risolvere il nodo del trattamento fiscale del salario
accessorio.

Pur essendo un contratto ” privato” a tutti gli effetti quello delle “Funzioni locali”, rispetto ai contratti dei settori privati, permane in un regine di tassazione fiscale diverso che va
uniformato.

Solo in questo modo si possono liberare risorse che potrebbero essere destinate ad incrementare la previdenza integrativa soprattutto per i giovani che si affacciamo al lavoro nelle Pubbliche
amministrazioni.

Nei prossimi anni inizierà un ricambio generazionale nella pubblica amministrazione, una rivoluzione epocale in termini di organizzazione e di nuove tecnologie ( Agenda digitale nella P.A.). Nella
nostra regione tutti gli Enti pubblici, Regione in testa, si stanno organizzando per migliorare i servizi alle imprese ed ai cittadini.

Al Convegno saranno presenti il Vice presidente della Regione Veneto Gianluca Forcolin, Il Presidente della Provincia di Padova Fabio Bui in rappresentanza delle
Provincie venete, La presidente dei Comuni Veneti, Maria Rosa Pavanello, Il Presidente della Camera di Commercio di Padova Antonio Santocono, e il Presidente di
Unioncamere Veneto Mario Pozza che assieme ai Sindacati regionali firmeranno un documento di impegno sul tema del Welfare.

Corsi e convegni

Economia

Economic Report

Eventi

News Europa

Promo

Sport