WIMA – Lagazuoi Winning Ideas Mountain Awards – Aperte fino al 5 febbraio 2023 le candidature per la 4^edizione

Il premio è dedicato ai progetti più innovativi e all’avanguardia del comparto montano italiano


Promo - pubblicata il 18 Gennaio 2023


https://www.trevisobellunosystem.com/tvsys/img/notizie/doc-com.jpg

Fonte: Ufficio stampa Lagazuoi Expo Dolomiti DOC-COM

Aperte fino al 5 febbraio 2023 le candidature per la 4^edizione dei WIMA – Lagazuoi Winning Ideas Mountain Awards, il premio dedicato ai progetti più innovativi e all’avanguardia del
comparto montano italiano.

Tre le categorie: attrezzatura e abbigliamento, servizi e app, e produzioni enogastronomiche.

Novità di questo 2023: si rinnova il meccanismo per la candidatura. Accanto alla partecipazione spontanea, il premio avrà tre “talent scout” d’eccezione: Marco di Marco, direttore di Sciare
Mag, Denis Piccolo, direttore di The Pill e Alberto Lupini, direttore di Italia a tavola,
chiamati ad individuare progetti e prodotti degni di nota.

Sul sito www.lagazuoiwima.org è presente l’apposito form per candidare il proprio progetto (entro e non oltre le ore 24 del 5 febbraio 2023) ed il bando.
Cortina d’Ampezzo, 16 gennaio 2023 – Un osservatorio speciale sulla montagna di oggi e di domani: è questo l’obiettivo che il Lagazuoi EXPO Dolomiti, spazio museale ed espositivo a quota
2.732 metri sopra Cortina d’Ampezzo, si pone dal 2020 con il suo progetto curatoriale Lagazuoi WIMA (Winning Ideas Mountain Awards): far crescere e diffondere un’idea di montagna
come luogo di innovazione e di interazione virtuosa tra uomo e ambiente.
Una ricerca, giunta questo anno alla sua quarta edizione, che mette sotto i riflettori prodotti, soluzioni e proposte originali che arrivano da aziende, startup e associazioni.
“Con questo Premio – spiega l’Ing. Stefano Illing, ideatore del Lagazuoi EXPO Dolomiti e promotore dei WIMA – abbiamo voluto valorizzare la capacità innovativa e progettuale di
chi opera nel mondo della montagna. In questi primi tre anni, i WIMA hanno dato spazio e visibilità alle tante esperienze che, nel nostro Paese, vengono sviluppate da aziende, start up e soggetti
che promuovono le terre alte e la loro fruizione attraverso prodotti e servizi innovativi, accessibili e sostenibili”. “È importante assistere all’incontro continuo, nel contesto del nostro
Premio, fra aziende consolidate e realtà in espansione – prosegue Illing – perché il ruolo dei WIMA è proprio quello di collettore e amplificatore di quanto di meglio si possa offrire a
chi la montagna la vive tutto l’anno o la frequenta per passione e vacanza. Il bilancio del primo triennio ci ha lasciato un bagaglio di oltre 34 fra progetti, prodotti e servizi premiati: solo
un primo, ma significativo traguardo che sono certo non potrà che crescere ulteriormente”.
Quest’anno i riflettori saranno puntati su servizi e app per la montagna (soluzioni innovative che impiegano il digitale, la realtà aumentata e i social per vivere e affrontare la montagna
a vari livelli), attrezzatura e abbigliamento di montagna (ovvero capi e accessori tecnici e adatti a quote e condizioni climatiche particolari) e produzioni enogastronomiche di
montagna
che pongano un’attenzione particolare all’innovazione dei prodotti e dei processi, e alla lotta agli sprechi.
In una società che cambia e si evolve rapidamente, i WIMA sono, infatti, alla ricerca di oggetti, alimenti, tecnologie e servizi all’avanguardia, originali e green. Perché la montagna è un
microcosmo in cui la sfida reale e urgente è coniugare l’innovazione con la sostenibilità. E l’obiettivo del Lagazuoi EXPO non è solo dare risalto – attraverso una mostra e grazie ad una
comunicazione crossmediale ad hoc – alle eccellenze che emergeranno dalla call 2023, ma generare al contempo un’attenzione e un dialogo costante sul futuro della montagna.
I partner d’eccezione

Accanto all’iter di autocandidatura, quest’anno il meccanismo di preselezione sarà affidato a tre giornalisti specializzati nei tre ambiti tematici. Grazie ad importanti media partnership che
supporteranno il Premio, la platea di candidati si arricchirà su indicazione di Marco Di Marco, direttore di Sciare Mag, che si occuperà della categoria attrezzatura e abbigliamento di
montagna, di Denis Piccolo, direttore di The Pill Magazine, per la categoria servizi e app di montagna, e di Alberto Lupini, direttore di Italia a Tavola, per le produzioni
enogastronomiche di montagna.
Tre osservatori speciali, quindi, con uno sguardo puntuale sulle categorie assegnate, che potranno suggerire proposte originali ed interessanti, invitandole a concorrere. La collaborazione con
queste tre autorevoli testate permetterà al Premio di promuovere le sue finalità culturali nei vari ambiti e stimolare sempre nuove realtà a candidarsi.
Ma non è tutto: cinque realtà a livello nazionale entrano a far parte del progetto WIMA per supportarlo nella divulgazione del bando, così da raggiungere un bacino sempre più ampio di imprese e
start up.
Sono l’ANGI, Associazione Nazionale Giovani Innovatori, che è la prima organizzazione no profit in Italia interamente dedicata al mondo dell’innovazione, presieduta da Gabriele
Ferrieri. L’ASSI Manager, Associazione Italiana Manager Sport Business, che riunisce professionisti affermati, impegnati nel management sportivo sul fronte economico e del
marketing, ed è guidata dal presidente Federico Fantini. Assosport, l’Associazione Nazionale fra i Produttori di Articoli Sportivi presieduta da Anna Ferrino, che rappresenta,
tutela e valorizza, sia in ambito nazionale che internazionale, le aziende che producono e/o distribuiscono in Italia abbigliamento, calzatura e attrezzatura sportiva. Confindustria Belluno
Dolomiti
, un’importante associazione che sostiene lo sviluppo e la valorizzazione dell’economia di un territorio fortemente identificato con il patrimonio unico delle Dolomiti, con
particolare attenzione all’innovazione e all’internazionalizzazione, presieduta da Maria Lorraine Berton. E l’UNCEM, Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani, guidata da Marco
Bussone, che riunisce i territori e le realtà che operano in montagna, e nell’ultimo decennio si è dedicata con forza all’efficienza energetica e allo sviluppo sostenibile. Cinque grandi platee,
quindi, che – nel riconoscere il valore del Premio – se ne faranno portavoce attraverso le rispettive piattaforme di comunicazione.
Le giurie

A presiedere i comitati di giuria, sarà l’ingegnere Stefano Illing, ideatore del Lagazuoi EXPO Dolomiti, che porterà il punto di vista e l’esperienza di chi vive e lavora in montagna.
Insieme a lui, ad individuare un vincitore per ogni categoria e assegnare una menzione speciale alla start up più meritevole, tre giurie, una per ambito, composte da due esperti scelti tra
giornalisti e docenti universitari. Tutti legati al mondo della montagna.
Per la categoria “Attrezzatura e abbigliamento di montagna“, la giuria è composta da Antonello Marega, consulente per l’Industria dei beni di consumo, presidente di EPSI (European
Platform for Sport Innovation) e professore di Design and Management presso lo IUAV – Istituto Universitario di Architettura di Venezia e Max Cassani, giornalista de La Stampa. Per “Servizi e
app per la montagna
“, i giurati sono: Andrea Macchiavelli, economista, docente di Economia del Turismo presso il corso di laurea magistrale dell’Università di Bergamo e di Politiche
del Turismo all’Università Milano Bicocca e Giovanni Moro, giornalista, caporedattore centrale del sistema DOVE (mensile, guide, dossier, speciali, live experience), dal 2019 è anche
responsabile del sito viaggi.corriere.it, canale viaggi di corriere.it. Per “Produzioni enogastronomiche di montagna“, i giurati: Emanuele Boselli, professore associato di Scienze e
Tecnologie Alimentari presso la Libera Università di Bolzano e Direttore del Corso di Laurea triennale in Scienze Enogastronomiche di Montagna e Luigi Cremona, giornalista e critico
enogastronomico.
Al termine della fase di reclutamento, che si concluderà il 5 febbraio 2023, verranno resi noti i nomi scelti dai giurati.
I progetti saranno protagonisti di una mostra che sarà inaugurata con una preview ad aprile 2023 negli spazi del LED: un momento di incontro, approfondimento e promozione della
montagna che anticiperà l’esposizione aperta al pubblico da fine maggio 2023 a fine marzo 2024.
In un contesto unico, dominato dallo spettacolo delle Dolomiti patrimonio Unesco, si potrà così scoprire il potenziale innovativo delle aziende e delle realtà che credono e investono nella nostra
montagna.
Sul sito www.lagazuoiwima.org è presente l’apposito form per candidare il proprio progetto (entro e non oltre le ore 24 del 5 febbraio 2023) ed il bando.

Corsi e convegni

Economia

Economic Report

Eventi

News Europa

Promo

Sport