28/11/2021  ore 06:42   
   Chi siamo  |  Parlano di noi  |  
 HOME |  PRIMO PIANO |  Economia |  Convegni corsi |  Sport |  Eventi |  Promo
 
Aiuti di Stato: la Commissione approva un sostegno pubblico di 325 milioni di € in Italia per fornire Internet ultraveloce alle scuole  

22/01/2021 | Economia | 

Fonte: ufficio stampa Commissione europea


Nel quadro delle norme dell'UE in materia di aiuti di Stato, la Commissione europea ha approvato un sostegno pubblico di 325 milioni di € per dotare 12 000 scuole italiane di una connessione Internet ultraveloce. In linea con gli obiettivi dell'UE in materia, le scuole che beneficeranno della misura si trovano in zone del territorio italiano in cui la connettività è insufficiente.

Margrethe Vestager, Vicepresidente esecutiva responsabile della politica di concorrenza, ha dichiarato: Il regime di aiuti italiano da 325 milioni di € permetterà a 12 000 scuole di avere una connessione Internet ultraveloce. La misura aiuterà gli studenti e gli educatori anche nel contesto della pandemia di coronavirus, dando loro accesso agli strumenti didattici online attuali e futuri. Questa decisione consente l'uso di fondi pubblici per fornire servizi Internet ad altissima velocità alle scuole in zone del territorio italiano in cui gli investimenti privati sono insufficienti.

Il regime mira a offrire alle scuole italiane Internet ultraveloce con l'obiettivo di promuovere la realizzazione di una rete in grado di fornire velocità di upload e download di 1 gigabit al secondo (Gbps).

La misura notificata dall'Italia alla Commissione riguarda solo le scuole in cui non esiste attualmente una rete a banda larga con velocità di download superiore a 300 megabit al secondo (Mbps) né ne è prevista la realizzazione nel prossimo futuro. L'Italia ritiene che la connessione Internet ad altissima velocità sia necessaria ai servizi didattici online diventati fondamentali nel contesto della pandemia di coronavirus.

Le autorità italiane hanno effettuato una mappatura completa dell'infrastruttura disponibile e proceduto a una consultazione pubblica al fine di individuare le zone interessate e le scuole ammissibili.

La Commissione ha valutato la misura ai sensi delle norme UE sugli aiuti di Stato, in particolare degli orientamenti sulle reti a banda larga del 2013, e, tenendo conto degli elementi di cui sopra, ha concluso che gli effetti positivi del regime sulla concorrenza e sulla connettività a banda larga, in particolare per le scuole, superano i potenziali effetti negativi determinati dall'intervento pubblico.

Su queste basi la Commissione ha concluso che il regime è conforme alle norme unionali sugli aiuti di Stato e contribuisce agli obiettivi strategici dell'UE definiti nell'agenda digitale europea e nella comunicazione "Verso una società dei Gigabit europea".

Contesto

La connettività a banda larga riveste un'importanza strategica per la crescita e l'innovazione in Europa in tutti i comparti dell'economia, anche ai fini della coesione sociale e territoriale. L'agenda digitale europea riconosce i vantaggi socioeconomici della banda larga e ne fissa gli obiettivi di sviluppo in Europa, tra i quali si annovera la soglia del 50 % o più di famiglie europee iscritte a connessioni internet superiori a 100 Mbps.

Nel 2016 l'agenda digitale europea è stata integrata dalla comunicazione sulla società dei Gigabit che fissa, tra l'altro, l'obiettivo strategico di fornire entro il 2025 in tutta l'UE connettività simmetrica di almeno 1 gigabit (in download e in upload) a tutti i principali motori di sviluppo socioeconomico, comprese le scuole, promuovendo così l'uso diffuso di prodotti, servizi e applicazioni nel mercato unico digitale.

Gli orientamenti sulle reti a banda larga del 2013 consentono interventi pubblici nei casi in cui le iniziative private non sono sufficienti, tutelando nel contempo gli investimenti privati e la concorrenza quali motori fondamentali per investimenti, prezzi migliori e qualità dei servizi per i consumatori e le imprese.

Una volta risolti eventuali problemi di riservatezza, la versione non riservata della decisione sarà disponibile sul sito web della DG Concorrenza, nel Registro degli aiuti di Stato con il numero SA.57497. Le nuove decisioni in materia di aiuti di Stato pubblicate su internet e nella Gazzetta ufficiale figurano nel bollettino elettronico di informazione settimanale in materia di aiuti di Stato (State Aid Weekly e-News).

« Indietro   
Tag clouds
aiuti download investimenti italiane materia norme Stato Internet misura obiettivi regime scuole velocità concorrenza connessione europea servizi ultraveloce agenda banda Commissione connettività contesto digitale fornire gigabit italiano larga zone
Ultime news - tutte le categorie
Economia
  Super Green Pass, il Presidente di Unioncamere del Veneto Mario Pozza: condivisibili tutte le misure che tutelano il lavoro e l’economia. non vanno buttati via i sacrifici fatti in questi mesi difficili di pandemia
25 novembre 2021
Convegni e corsi
  25/11/2021 - Terzo workshop nazionale sul biotech e la ricerca pubblica - Unioncamere
24 novembre 2021
Sport
  Tra i 500 del Cross Csi di Sedico De Nard e Dal Ri
19 novembre 2021
Eventi
  Il volontariato entra nelle politiche del lavoro|23 Novembre 2021
24 novembre 2021
Promozione
  Morte di Ennio Doris, il cordoglio del Presidente di Unioncamere del Veneto Mario Pozza
25 novembre 2021