11/04/2021  ore 06:26   
   Chi siamo  |  Parlano di noi  |  
 HOME |  PRIMO PIANO |  Economia |  Convegni corsi |  Sport |  Eventi |  Promo
 
Accordo tra Prefettura e Camera di Commercio: i dati per monitorare e garantire il buon fare impresa.  

02/03/2021 | Economia |  SE il Prefetto Bracco e il Presidente Pozza con il digitale per il territorio e la tutela della legalità

Fonte: ufficio stampa Camera di Commercio Treviso-Belluno|Dolomiti


Belluno, 01 Marzo 2021. Tre applicativi per visualizzare graficamente le correlazioni tra soggetti e aziende iscritte nel Registro Imprese, la possibilità di monitorare nel tempo le variazioni che intervengono nelle imprese e la possibilità di ottenere elenchi di imprese georeferenziati sulla base di parametri dimensionali, per area geografica o per settore di attività, restituendo un'immediata percezione delle relazioni esistenti tra persone ed imprese ad esse riconducibili. Dati che si concretizzano in qualsiasi momento nell’estrazione di documenti in formato testuale come la visura d'impresa o scheda delle partecipazioni societarie di una persona fisica.

In sintesi è questo il modello operativo e di controllo dell’accordo firmato tra Camera di Commercio e Prefettura di Belluno sin dal 2017 con proroga al 2020 e oggi, con firma congiunta del protocollo tra il Presidente Mario Pozza e il nuovo Prefetto dott. Sergio Bracco.

Il protocollo prevede la possibilità di accedere gratuitamente alle banche dati camerali nella configurazione del pacchetto “Telemaco avanzato”, completo delle funzionalità Ri.Map, Ri.Build e Ri.Visual. 

Nel sottoscrivere l’importante accordo il Prefetto, Sergio Bracco, ha ribadito l'importanza del completo accesso alle banche dati camerali - attraverso le quali il Gruppo Interforze della Prefettura, le singole Forze di Polizia e la DIA riescono a disporre di un quadro aggiornato delle società e dei loro collegamenti. Tali strumenti sono oggi più che mai indispensabili perché l’analisi completa delle relazioni societarie consente al sistema di prevenzione di intercettare possibili tentativi di condizionamento o di infiltrazione della criminalità organizzata nell'economia legale. Ciò diventa ancor più importante nell’attuale momento storico, nel quale l'economia risente degli effetti legati all’emergenza sanitaria da Covid-19 e dei conseguenti provvedimenti restrittivi imposti dal governo nazionale e regionale per il contenimento del contagio. Desidero per questo ringraziare il Presidente della Camera di Commercio Treviso Belluno|Dolomiti per la disponibilità nuovamente manifestata, all’insegna del sinergico impegno istituzionale a tutela della legalità in un territorio sano che deve guardare con fiducia e sicurezza all'organizzazione delle Olimpiadi Invernali del 2026.

Il Presidente della Camera di Commercio di Treviso Belluno|Dolomiti Mario Pozza ha sottolineato come - non si può fare buona impresa senza legalità. Con questo accordo vogliamo proprio garantire agli imprenditori di lavorare con tranquillità, in un territorio sano e attrattivo per gli investitori che tra i parametri di attrattività hanno quello della legalità. Il momento contingente di crisi diffusa, causato dalla pandemia, esige che le istituzioni collaborino, diventino attive sentinelle per garantire il buon fare impresa, con il supporto di finanziamenti profilati e non a pioggia, con l’ascolto delle vere esigenze del territorio, con la collaborazione fattiva e continua con le forze dell’ordine.

Ci sono stati i mondiali di sci, ora lo sguardo e l’operatività è rivolta a preparare un territorio che deve rimettersi in gioco, con un colpo di reni, per preparare i giochi olimpici di Cortina 2026.

Un'ottima occasione che ci fa guardare in maniera strategica e sostenibile, alle opere che devono essere realizzate e identificando soprattutto cosa vogliamo essere. Le imprese in questo sono attori fondamentali, sono sentinelle dell'ambiente, sono vedette diffuse con cui il dialogo è fondamentale. Ringrazio il Prefetto Bracco per l'ascolto e la collaborazione già da subito ad inizio del suo mandato.

 

Come funzionano gli applicativi?

L’utilizzo dell’applicativo, è di particolare interesse per i soggetti preposti alla prevenzione ed alla repressione dei fenomeni criminosi in quanto consente un'immediata rappresentazione di relazioni tra soggetti e tra imprese, oltre che monitorare in modo automatico le variazioni che vengono iscritte sulle posizioni delle imprese di interesse, fornendo anche una georeferenziazione dei dati, con il vantaggio non trascurabile, di utilizzare un approccio molto più snello e semplificato rispetto ai tradizionali canali di consultazione del R.I. delle Forze dell’ordine.

La Camera di Commercio di Treviso – Belluno |Dolomiti, grazie al supporto tecnologico di Infocamere Scpa, dispone ora anche del nuovo applicativo denominato “REX – Regional Explorer”, finalizzato ad un utilizzo evoluto delle informazioni del Registro Imprese da parte delle forze dell'ordine, che va a completare ed arricchire le opzioni di uso del sopraccitato pacchetto “Telemaco Avanzato”, per lo svolgimento di analisi approfondite e indagini mirate su dinamiche economico-societarie di carattere puntuale o su base territoriale.

L'esperienza maturata nell’ambito del protocollo in entrambe le province, si è rivelata notevolmente positiva non solo sotto il profilo della crescita di una reciproca collaborazione tra le istituzioni pubbliche che agiscono e tutelano il medesimo territorio, ma anche sotto il profilo dell'utilità dell'iniziativa stessa in ordine alla legalità.

 

AGGIORNAMENTI DEI NUOVI ACCORDI

I nuovi accordi ricalcano sostanzialmente i precedenti con le seguenti modifiche individuate:

a) durata: è prevista una durata biennale (2021 e 2022) con scadenza al 31.12.2022 rinnovabile per ulteriori due anni mediante conferma scritta;

b) possibilità di usufruire anche dell’applicativo “REX” in aggiunta al pacchetto “Telemaco Avanzato”;

c) istituzione di un tavolo di coordinamento delle attività collegate al monitoraggio dell'utilizzo degli strumenti messi a disposizione, con l'obiettivo di sviluppare ulteriormente la collaborazione anche mediante l'attivazione di apposite iniziative che verranno sottoposte all'esame e all'approvazione degli Enti firmatari del presente Protocollo. Il tavolo di coordinamento sarà presieduto dal Prefetto di Belluno o da un suo delegato – il tavolo è composto dalle Amministrazioni che sottoscrivono il nuovo Protocollo, oltre che dai rappresentanti di Questura, Comando provinciale dei Carabinieri, Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Belluno, e DIA di Padova, cui la Prefettura di Belluno provvederà ad assegnare i rispettivi accessi in uso.

Il Protocollo d’intesa, prevede che l'Ente camerale si faccia carico dei costi di erogazione del servizio di accesso ai dati del Registro Imprese tramite i servizi “REX” e “Telemaco Avanzato”, completo delle funzionalità Ri.Map, Ri.Build e Ri.Visual.


Intese, accordi, tecnologia, etica per custodire i territori: con le azioni concrete commemoriamo il 20 Marzo Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime delle mafie.

« Indietro    Pubblica su: 
OkNotizie Del.icio.us! Google! Facebook! Share
Tag clouds
possibilità protocollo territorio Treviso avanzato Commercio dati imprese ordine Belluno Camera collaborazione Forze Prefetto legalità Telemaco
Ultime news - tutte le categorie
Economia
  Imprese annichilite nel terziario provinciale: compare il fenomeno delle imprese zombie
8 aprile 2021
Convegni e corsi
  Donazzan interviene a presentazione di nuovo corso ITS della moda Cosmo. Alta formazione sulla maglieria, un settore della moda in grande crescita
8 aprile 2021
Sport
  Cambia data la Prosecco Cycling: si correrà il 3 ottobre, iscrizioni aperte dal 7 aprile
7 aprile 2021
Eventi
  Venerdì 9 Aprile spettacolo Sguardi: dire, fare, lavorare
7 aprile 2021
Promozione
  IACCinform April Newsletter
8 aprile 2021