13/06/2021  ore 10:48   
   Chi siamo  |  Parlano di noi  |  
 HOME |  PRIMO PIANO |  Economia |  Convegni corsi |  Sport |  Eventi |  Promo
 
Alimentaristi e baristi: tutti a lezione di ripresa!

24/03/2021 | Corsi e convegni |  Il commercio cambia pelle, ecco come ripartono alimentaristi e pubblici esercenti

Fonte: ufficio stampa Unascom-Confcommercio

Si conclude domani (oggi 24 marzo) la nuova edizione di Food Academy, un format di alta formazione dedicato alla ripartenza: chiusi e aperti ma uniti dalla voglia di comprendere.

Pubblici esercenti e alimentaristi guardano oltre la pandemia. Per questo hanno organizzato un master di alta formazione interamente dedicato alla ripartenza. Tornano in aula (virtuale) per affrontare i cambiamenti del post pandemia, conoscere i nuovi consumatori, le strategie di vendite, i servizi accessori della “nuova normalità".

Si conclude oggi (mercoledi 24 marzo), il progetto di Food Academy, la cabina di regia progettuale messa in moto da Fipe e Fida Confcommercio, due tra i principali Gruppi aderenti della Confcommercio provinciale. L’incontro di domani è aperto a tutti gli interessati, non solo alla platea di associati e si svolgerà previa iscrizione. Per ricevere il link inviare mail a: k.cisolla@unascom.it; a.tessariol@unascom.it.

A concludere il percorso iniziato ai primi di marzo sarà, Alberto Fedel, consulente e formatore esperto di servizio, comunicazione, vendita e post vendita. Fedel entrerà nel vivo di questo cambiamento tanto annunciato e ancora troppo poco conosciuto o lasciato all’esperienza dei singoli, offrirà esempi concreti (come sarà il food gourmet?), idee e spunti per rivoluzionare il negozio o il locale, per comprendere nel pieno i segnali latenti che i consumatori lanciano.

Riccardo Zanchetta, presidente di Fida, categoria che raggruppa tutto il commercio alimentare, afferma: Noi siamo stati i più esposti, aperti per decreto e soggetti ad un surplus di lavoro. Ma abbiamo visto davanti ai nostri banconi, in diretta, la paura della gente, lo smarrimento, il cambiamento dei clienti, le nuove modalità di spesa e le richieste. Ci siamo adattati in poche ore ed abbiamo reagito. Il problema non è né l’ordine su whatsapp, né on line. Il problema è che oggi, nel post pandemia, sta cambiando nel profondo l’approccio al cibo e al consumo alimentare.

Dania Sartorato, presidente di Fipe, spiega che: La nostra categoria è stata ed è tuttora molto penalizzata, abbiamo deciso di rimetterci in gioco e di partire dalle nuove dimensioni che ci ha lasciato la pandemia, dal delivery a tutte le declinazioni del “fast” oggi richieste dai nuovi consumatori, stanno cambiando gli ordini, il modo di fare i menu, le tipologie di consumo, la modalità di consegna, sta emergendo un nuovo concetto di consumo.


LE STORIE, ECCO CHI È TORNATO IN AULA

Maddalena Stecca, Macelleria Stecca in centro città a Treviso: Partecipo e studio perché sento la necessità di capire la realtà che cambia e imparare nuove cose, tra i clienti vedo ancora tanta paura, noi stessi siamo stati colpiti dal virus, abbiamo tenuto chiuso, ora vedo che si fa fatica a ricostruire la fiducia.

Marco Guerra, Osteria con cucina a Casale sul Sile: Ci mettiamo in gioco anche noi, proviamo a studiare per capire il cambiamento. Ci stiamo provando con tutto il nostro cuore e il nostro impegno. L’asporto va bene per chi già faceva asporto, ma trasformare la convivialità intrinseca della ristorazione con l’asporto è dura.

« Indietro    Pubblica su: 
OkNotizie Del.icio.us! Google! Facebook! Share
Tag clouds
asporto cambiamento Confcommercio pandemia post consumo consumatori Food nuove
Ultime news - tutte le categorie
Economia
  I ragazzi del Lepido Rocco danno lo start al progetto Milano – Cortina e la generazione 2026
11 giugno 2021
Convegni e corsi
  Ciclo di seminari gratuiti: ''Parla con noi della proprietà industriale''
11 giugno 2021
Sport
  Sport. Trevisatletica: in otto ai tricolori di Grosseto
10 giugno 2021
Eventi
  Montebelluna, Maffioli: le Classi Potrebbero Essere Ospitate nell’Oratorio del Duomo
10 giugno 2021
Promozione
  IQI, Qualità delle Istituzioni Pubbliche: la Provincia di Treviso al Terzo Posto Assoluto in Italia. Marcon: Merito di Amministrazioni Locali e Cittadini
11 giugno 2021