08/12/2022  ore 03:18   
   Chi siamo  |  Parlano di noi  |  
 HOME |  PRIMO PIANO |  Economia |  Convegni corsi |  Sport |  Eventi |  Promo
 

Previsioni economiche per l'estate 2022: La guerra in Ucraina peggiora le prospettive

14/07/2022 | Economia |  Si prospetta una crescita più bassa con inflazione più elevata all'interno dell'UE

Fonte: ufficio stampa European Commission

La guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina continua a influenzare negativamente l'economia dell'UE, avviandola verso una crescita più bassa e un'inflazione più elevata rispetto alle previsioni di primavera. Le Previsioni economiche dell'Estate 2022 (intermedie) prevedono una crescita dell'economia dell'UE del 2,7% nel 2022 e dell'1,5% nel 2023. La crescita nell'area dell'euro è prevista al 2,6% nel 2022, per poi scendere all'1,4% nel 2023. L'inflazione media annua dovrebbe raggiungere i massimi storici nel 2022, al 7,6% nell'area dell'euro e all'8,3% nell'UE, prima di scendere nel 2023 rispettivamente al 4,0% e al 4,6%.

Gli shock scatenati dalla guerra si ripercuotono sulla crescita

Molti dei rischi negativi legati alle previsioni della primavera 2022 si sono concretizzati. L'invasione dell'Ucraina da parte della Russia ha esercitato ulteriori pressioni al rialzo sui prezzi delle materie prime energetiche e alimentari. Queste stanno alimentando le pressioni inflazionistiche globali, erodendo il potere d'acquisto delle famiglie e innescando una risposta di politica monetaria più rapida di quanto ipotizzato in precedenza. La continua decelerazione della crescita negli Stati Uniti si sta aggiungendo all'impatto economico negativo della rigida politica di zero-COVID della Cina.  

L'economia dell'UE rimane particolarmente vulnerabile agli sviluppi dei mercati energetici a causa dell'elevata dipendenza dai combustibili fossili russi, e l'indebolimento della crescita globale riduce la domanda esterna. Lo slancio accumulato con la ripresa dell'anno scorso e un primo trimestre un po' più forte di quanto stimato in precedenza sono destinati a sostenere il tasso di crescita annuale per il 2022. Tuttavia, si prevede che l'attività economica nel resto dell'anno sarà modesta, nonostante la promettente stagione turistica estiva. Nel 2023, la crescita economica trimestrale dovrebbe riprendere slancio, grazie alla tenuta del mercato del lavoro, alla moderazione dell'inflazione, al sostegno dello Strumento per la ripresa e la resilienza e all'ammontare ancora elevato di risparmi in eccesso.

Nel complesso, l'economia dell'UE dovrebbe continuare a espandersi, ma a un ritmo significativamente più lento di quanto previsto nelle previsioni di primavera 2022.

L'inflazione da record dovrebbe diminuire nel 2023

L'inflazione complessiva fino a giugno ha raggiunto livelli record, grazie alla continua crescita dei prezzi dell'energia e dei generi alimentari e all'estensione delle pressioni sui prezzi ai servizi e ad altri beni. Nell'area dell'euro, l'inflazione è cresciuta fortemente nel secondo trimestre del 2022, passando dal 7,4% di marzo (a/a) a un nuovo massimo storico dell'8,6% a giugno. Nell'UE l'aumento è stato ancora più pronunciato, con un balzo dell'inflazione di un intero punto percentuale, dal 7,8% di marzo all'8,8% di maggio.

Le previsioni sull'inflazione sono state riviste notevolmente al rialzo rispetto alle previsioni di primavera. Oltre al forte aumento dei prezzi nel secondo trimestre, un'ulteriore impennata dei prezzi del gas in Europa dovrebbe ripercuotersi sui consumatori anche attraverso i prezzi dell'elettricità. Secondo le proiezioni, l'inflazione dovrebbe raggiungere un picco dell'8,4% annuo nel terzo trimestre del 2022 nell'area dell'euro, per poi diminuire costantemente e scendere al di sotto del 3% nell'ultimo trimestre del 2023, sia nell'area dell'euro che nell'UE, con l'attenuarsi delle pressioni dovute ai vincoli dell'offerta e ai prezzi delle materie prime.

I rischi restano elevati e dipendono dalla guerra

I rischi per le previsioni sull'attività economica e l'inflazione dipendono fortemente dall'evoluzione della guerra e in particolare dalle sue implicazioni per la fornitura di gas all'Europa. Nuovi aumenti dei prezzi del gas potrebbero far salire ulteriormente l'inflazione e soffocare la crescita. Gli effetti di seconda istanza potrebbero a loro volta amplificare le forze inflazionistiche e portare a un inasprimento delle condizioni finanziarie che non solo peserebbe sulla crescita, ma comporterebbe anche maggiori rischi per la stabilità finanziaria. Non si può escludere che la recrudescenza della pandemia nell'UE porti nuove perturbazioni all'economia.

Allo stesso tempo, le recenti tendenze al ribasso dei prezzi del petrolio e di altre materie prime potrebbero intensificarsi, determinando un calo dell'inflazione più rapido di quanto attualmente previsto. Inoltre, grazie alla solidità del mercato del lavoro, i consumi privati potrebbero dimostrarsi più resistenti all'aumento dei prezzi se le famiglie dovessero utilizzare maggiormente i risparmi accumulati.

I membri del Collegio hanno dichiarato:

Valdis Dombrovskis, Vicepresidente esecutivo per un'Economia che Funzioni per le Persone, ha dichiarato: La guerra della Russia contro l'Ucraina continua a gettare una lunga ombra sull'Europa e sulla nostra economia. Stiamo affrontando sfide su più fronti, dall'aumento dei prezzi dell'energia e dei prodotti alimentari a una prospettiva globale estremamente incerta. Abbiamo la fortuna di partire da una posizione di forza, avendo superato la crisi precedente con un solido ritorno alla crescita. La crescita economica rallenterà notevolmente nella seconda parte di quest'anno, per poi riprendere vigore nel 2023. In considerazione dell'inflazione elevata e delle condizioni di finanziamento sempre più rigide, sarà importante trovare il giusto equilibrio tra l'adozione di una politica fiscale più prudente e la protezione dei soggetti più vulnerabili. Dovremmo anche ridurre la nostra dipendenza dai combustibili fossili russi.

Paolo Gentiloni, Commissario per l'Economia, ha dichiarato: L'invasione immotivata dell'Ucraina da parte della Russia continua a provocare scosse nell'economia globale. Le azioni di Mosca stanno interrompendo le forniture di energia e di cereali, facendo salire i prezzi e indebolendo la fiducia. In Europa, lo slancio derivante dalla riapertura delle nostre economie è destinato a sostenere la crescita annuale nel 2022, ma per il 2023 abbiamo rivisto sensibilmente al ribasso le nostre previsioni. Si prevede che l'inflazione da record raggiunga il suo picco alla fine di quest'anno e si riduca gradualmente nel 2023. Poiché l'andamento della guerra e l'affidabilità delle forniture di gas sono sconosciuti, questa previsione è soggetta a un'elevata incertezza e a rischi di ribasso. Per navigare in queste acque agitate, l'Europa deve dare prova di leadership, con tre parole che definiscono le nostre politiche: solidarietà, sostenibilità e sicurezza.

Premessa

Le previsioni economiche per l'estate 2022 costituiscono un aggiornamento delle previsioni economiche per la primavera 2022, presentate nel maggio 2022, e si concentrano sull'andamento del PIL e dell'inflazione in tutti gli Stati membri dell'UE.

Le previsioni si basano su una serie di ipotesi tecniche relative ai tassi di cambio, ai tassi di interesse e ai prezzi delle materie prime, con data limite il 30 giugno. Per tutti gli altri dati in entrata, comprese le ipotesi sulle politiche governative, questa previsione prende in considerazione le informazioni fino al 5 luglio compreso.

La Commissione europea pubblica ogni anno due previsioni complete (primavera e autunno) e due previsioni intermedie (inverno ed estate). Le previsioni intermedie riguardano il PIL annuale e trimestrale e l'inflazione per l'anno in corso e quello successivo per tutti gli Stati membri, nonché gli aggregati dell'UE e dell'area dell'euro.

La prossima previsione della Commissione europea sarà la Previsione economica dell'autunno 2022, la cui pubblicazione è prevista per novembre 2022.

Per ulteriori informazioni


Segui il vicepresidente Dombrovskis su Twitter: @VDombrovskis

Segui il Commissario Gentiloni su Twitter: @PaoloGentiloni

Segui la DG ECFIN su Twitter: @ecfin

Richieste del pubblico in generale: Europe Direct al numero di telefono 00 800 67 89 10 11 o via e-mail


« Indietro   
Tag clouds
2022 economiche Europa previsioni prime Russia trimestre aumento continua intermedie prezzi primavera rischi 2023 area Economia Estate euro inflazione materie potrebbero pressioni sull Ucraina crescita economica elevata guerra previsione
Ultime news - tutte le categorie
Economia
  Covid: dopo il disagio delle restrizioni pandemiche, finanziamento di oltre 3 milioni di euro a sostegno degli adolescenti
6 dicembre 2022
Convegni e corsi
  Seminario: "Fare impresa in Svizzera francese"
2 dicembre 2022
Sport
  50 giorni a Cortina Ski World Cup
5 dicembre 2022
Eventi
  Il Presidente Pozza premia gli studenti vincitori del Concorso di Idee per scuole “Circolar…Mente”
6 dicembre 2022
Promozione
  Le promozioni mensili della Thai - Italian Chamber of Commerce - Dicembre 2022
7 dicembre 2022