D+ Ultracycling Dolomitica, E’ sfida per il Tricolore. 26 agosto

Sedici i passi montani e dolomitici da affrontare: in successione, il Combai-Madean-Pianezze, il Monte Tomba-Monte Grappa e poi i passi Gobbera, Broccon, Manghen, San Pellegrino, Fedaia, Pordoi, Campolongo, Valparola, Giau, Staulanza, Duran e Forcella Aurine, per poi concludere con il Nevegal e La Crosetta. Totale: 16 mila metri di dislivello.


Sport - pubblicata il 18 Luglio 2016


https://www.trevisobellunosystem.com/tvsys/img/notizie/dultracycling_dolomitica.jpg

Fonte: Ufficio Stampa Ultracycling Dolomitica

Cison di Valmarino (Treviso), 15 luglio 2016 – Una sfida sul filo dei chilometri e delle montagne. Carlo Brussa e Omar Di Felice hanno un appuntamento segnato in rosso nella loro agenda:
la D+ Ultracycling Dolomitica, che scatterà il 26 agosto da Cison di Valmarino (Treviso), assegnerà il titolo nazionale della specialità. Un traguardo alla portata di entrambi gli atleti.
Brussa, a fine aprile, è stato il miglior italiano nella prima delle tre prove tricolori, la Race across Italy, dove Di Felice si è ritirato in seguito ad una rovinosa caduta. Omar, però, è stato
protagonista nella seconda prova, la D+ Ultracycling 3 Confini, che lo scorso fine settimana è scattata da Gemona del Friuli (Udine), portando i ciclisti a scalare 11 montagne tra Italia, Austria e
Slovenia. Compreso il mitico Zoncolan, considerata la salita più dura d’Europa.
Di Felice è stato il migliore degli italiani, davanti a Brussa, e ha così riaperto la lotta per il tricolore: Brussa resta davanti in classifica, ma Di Felice si è rimesso in gioco e può continuare
a sperare.
La sfida tra Carlo e Omar, a questi livelli, è assolutamente inedita. Il laziale Di Felice (asd Ultracyclingman), organizzato e grande comunicatore, è l’icona italiana delle
ultramaratone in bicicletta. E’ anche il campione uscente: l’uomo da battere in ogni situazione. L’abruzzese Brussa (asd Centro Fai da te Cycling Team) indossa invece i panni dell’outsider:
esploso nell’ultima stagione, lavora come guardia giurata e si prepara per le ultramaratone ciclistiche allenandosi nei ritagli di tempo.
Da un certo punto di vista, è il confronto tra Davide e Golia.

Ora, archiviata la D+ Ultracycling 3 Confini, il duello si trasferirà alla D+ Ultracycling Dolomitica, il gran finale tricolore. L’evento che a fine agosto riproporrà l’epica sfida dell’uomo
impegnato a scalare le montagne più impervie. Una fatica sovrumana, con un traguardo aggiuntivo per Omar Di Felice e Carlo Brussa: la maglia tricolore.
Il percorso della D+ Ultracycling Dolomitica (anche nel 2016 dedicata a Vito Favero, ciclista trevigiano dei tempi eroici) si svilupperà per 624 chilometri attraverso Veneto, Friuli-Venezia Giulia
e Trentino-Alto Adige, toccando sei province (Treviso, Vicenza, Belluno, Trento, Bolzano e Pordenone) e 76 Comuni.

Sedici i passi montani e dolomitici da affrontare: in successione, il Combai-Madean-Pianezze, il Monte Tomba-Monte Grappa e poi i passi Gobbera, Broccon, Manghen, San Pellegrino, Fedaia, Pordoi,
Campolongo, Valparola, Giau, Staulanza, Duran e Forcella Aurine, per poi concludere con il Nevegal e La Crosetta. Totale: 16 mila metri di dislivello.

Previste tre categorie di partecipazione: Solo (con ammiraglia al seguito), Solo Self-Supported (in totale autosufficienza) e Team (una sorta di staffetta per squadre formate da 2 o 4 atleti). Il
conto alla rovescia verso la grande sfida prosegue.

Corsi e convegni

Economia

Economic Report

Eventi

News Europa

Promo

Sport