Il Presidente della Camera di Commercio Mario Pozza ha partecipato alla presentazione a Belluno del Biennio sperimentale degli Operatori del turismo religioso .

L’offerta prevede tre versanti formativi: formazione fondamentale sul versante teologico, antropologico ed estetico; formazione storico-artistica, volta alla comprensione del patrimonio culturale, religioso e naturalistico del territorio; formazione tecnica, volta all'acquisizione di competenze per l'autoimprenditoria


Eventi - pubblicata il 18 Gennaio 2017


https://www.trevisobellunosystem.com/wp-content/uploads/2022/11/placeholder_Icona_TevisoBellunoSystem_02.png

Fonte: Ufficio stampa turismo religioso Biennio sperimentale

Il Presidente della Camera di Commercio Mario Pozza è intervenuto al convegno di presentazione del Progetto Turismo Religioso.

Si tratta del Biennio sperimentale, interprovinciale e interdiocesano, ed è frutto di un percorso che ha coinvolto da principio numerosi soggetti operanti nel territorio della Provincia di Belluno
(la diocesi di Belluno-Feltre, il console del Touring Club provinciale, il Direttore del Consorzio dei Comuni Bim Piave e il suo Centro Servizi, rappresentanti della Provincia e della Camera di
Commercio di Treviso – Belluno), la diocesi di Vittorio Veneto e la Provincia di Treviso.
Capofila del Progetto sono la diocesi di Belluno-Feltre e la diocesi di Vittorio Veneto.
Il Consorzio dei Comuni BIM Piave ha erogato un significativo contributo economico per la realizzazione del biennio sperimentale.
Mentre veniva elaborata questa proposta la Regione Veneto lanciava un Progetto per il turismo religioso, denominato “Across Veneto”.

Ispirazione
L’ispirazione
del Progetto è prima di tutto formativa e culturale. A fronte di una domanda vera di speranza, di cultura, di spiritualità, il sogno buono che si
nutre è quello di creare opportunità di sviluppo e di crescita a misura delle persone che vivono nei nostri territori.

Obiettivi generali
1. far convergere le forze operanti nell’area definita dalle diocesi di Belluno-Feltre e Vittorio Veneto (dunque Dolomiti, fascia Pedemontana, fino alle porte di
Caorle), su un Progetto formativo di tipo culturale. Questa collaborazione viene ritenuta qualificante per il Progetto, pena il ridurlo all’insignificanza;
2. valorizzare le opportunità costituite dai Percorsi di turismo religioso già in atto nei due territori, tra i quali si ricordino “Tesori d’arte” nel
Bellunese e “Beato Toniolo. Le vie dei santi. Un cammino tra fede e territorio” nel Vittoriese
;
3. dare avvio a circoli virtuosi di sviluppo, promozione culturale, azione cooperativa in favore della popolazione e dei turisti dei territori bellunese e
vittoriese-trevigiano.
Descrizione
Destinatari
– guide naturalistiche;
– guide turistiche;
– operatori di didattica museale;
– docenti di educazione all’immagine;
– operatori pastorali e di catechesi attraverso l’arte;
– animatori di pellegrinaggi e di percorsi artistici;
– operatori del turismo culturale e religioso;
– organizzatori di eventi culturali;
– animatori di esercizi spirituali itineranti.
Il titolo minimo di studio richiesto per l’iscrizione è la laurea triennale, civile o ecclesiastica.
Sedi

Belluno (Seminario; sede della segreteria; lezioni per 15 settimane, da ottobre a gennaio).

Vittorio Veneto (Castello vescovile, Casa di spiritualità e cultura “San Martino di Tours”; lezioni per 16 settimane, da febbraio a maggio)

Titolo finale
operatore del turismo religioso: riconosciuto dalle diocesi di Belluno-Feltre e di Vittorio Veneto, abilita ad accompagnare la visita di Chiese e pertinenze nel territorio delle
medesime diocesi e nell’accompagnamento dei Cammini, Vie e Percorsi della fede realizzati dalle stesse.
L’attestato verrà consegnato a chi avrà partecipato almeno ad un laboratorio all’anno e a due terzi dell’ammontare delle ore dei corsi fondamentali.
Offerta formativa

monte ore annuo di circa 240 ore di frequenza obbligatoria;

due lezioni serali alla settimana; una lezione mattutina mensile; tre giornate estive;

L’offerta prevede tre versanti formativi:

formazione fondamentale sul versante teologico, antropologico ed estetico;

formazione storico-artistica, volta alla comprensione del patrimonio culturale, religioso e naturalistico del territorio;

formazione tecnica, volta all’acquisizione di competenze per l’autoimprenditoria e per l’attività cooperativa; competenze di marketing per il turismo religioso nel territorio;
fund raising.

Più in dettaglio:

L’offerta formativa di struttura su tre versanti di equivalente monte orario, seguiti da un coordinatore per ogni area e chiaramente caratterizzati in funzione delle conoscenze e
competenze finali (dunque, anche sul versante fondamentale i corsi non saranno generici e lo sforzo didattico sarà volto a far convergere i vari saperi):

I. Fondamentale: comprendente 6 saperi da affrontare nel biennio:

1. Sacra Scrittura (con un’attenzione anche agli apocrifi e all’iconografia)
2. Teologia della Rivelazione (la storia e il creato come luoghi di rivelazione di Dio e di espressione della fede)
3. Cristologia e antropologia teologica
4. Liturgia (anche dal punto di vista storico, dei simboli, dei luoghi e degli oggetti relativi al culto)
5. Spiritualità (legata sia all’agiografia che al creato)
6. Estetica (in chiave di teologia della bellezza)

II. Storico-artistico, naturalistico locale: comprendente tre campi da declinare in diversi corsi ogni anno:
1. Storia locale
2. Arte locale (comprendente analisi di natura e finalità dei musei diocesani)
3. Natura locale

III. Tecnico: comprendente una pluralità di corsi (fino a 5 per anno) tra i quali:

1. Autoimprenditorialità
2. Didattica con l’arte
3. Catechesi e pastorale con l’arte
4. Legislazione italiana ed europea
5. Marketing turistico
6. Progettazione
7. Fund raising
8. Cartografia e guidistica
9. GIS, GPS ecc.
10. Comunicazione.

La durata dei corsi fondamentali e di quelli storico-artistici è di 22 ore ciascuno. Quella dei corsi del versante tecnico potrà essere più ridotta (comunque non sotto le 12 ore) e
variabile, a seconda dell’oggetto.
Si prevedono lezioni serali due giorni alla settimana (lunedì e giovedì), dalle 18.50 alle 21.15 e una lezione mattutina al mese (sabato), dalle 9 alle 12.15.
Le lezioni del primo anno iniziano lunedì 5 ottobre 2015 e si concludono lunedì 30 maggio 2016, per un totale di 31 settimane di lezione.
Tre giornate estive (7 ore di lezione) saranno dedicate a esperienze di didattica nei luoghi e sui percorsi fatti oggetto di studio.

La comunicazione e il logo

L’immagine scelta per la comunicazione coniuga l’esperienza di collaborazione tra le due diocesi e il tema della bellezza.
Si tratta infatti di un particolare scorciato di due chiostri importanti, quello del Santuario dei Santi Vittore e Corona ad Anzù di Feltre (diocesi di Belluno-Feltre) e quello dell’Abbazia di
Follina (diocesi di Vittorio Veneto), posti specularmente in modo dinamico. Al loro convergere corrisponde la presenza del logo.
Il logo del Biennio sperimentale consiste in una finestra centinata crucifera, simbolo di tutti i nostri edifici sacri e del patrimonio d’arte sacra in generale; dalla finestra si
scorge il profilo delle Dolomiti ai cui piedi compare un sinuoso sentiero che allude all’atteggiamento del turista religioso, quello della persona che cammina, che ricerca, che non si ferma. Ai
lati compare in verticale il termine “TURISMO RELIGIOSO”, in calce il nome delle due diocesi. Il colore scelto è un azzurro intenso che richiama il cielo e, come scrive il pittore russo Vassily
Kandinsky ne Lo spirituale nell’arte, “suggerisce quiete”.

www.diocesivittorioveneto.it/turismoreligioso/

Corsi e convegni

Economia

Economic Report

Eventi

News Europa

Promo

Sport