Osservatorio Economico Sportsystem a Villa Zuccareda Binetti Montebelluna –TV #RUBRICA

Presentati i dati del 1° sem. 2021,tratti dal Monitor dei distretti industriali di Intesa Sanpaolo in collaborazione con Camera di Commercio di Treviso - Belluno Dolomiti


Corsi e convegni - pubblicata il 15 Ottobre 2021


https://www.trevisobellunosystem.com/tvsys/img/notizie/39a5be1b-919a-4473-a890-90b495613556.jpeg
Fonte: ufficio stampa Montebelluna Sportsystem

L’incontro è stato aperto da Andrea Parisotto, presidente Fondazione Museo dello Scarpone e Calzatura Sportiva e sono seguiti i saluti di Adalberto Bordin, Sindaco di
Montebelluna e Francesca Nieddu, direttore regionale Veneto Est e Friuli-Venezia Giulia Intesa Sanpaolo. A seguire c’è stata la presentazione dell’Osservatorio Distretto Sportsystem a cura
di Anna Maria Moressa, Direzione Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo e Federico Callegari, Centro Studi Camera di Commercio Treviso-Belluno|Dolomiti.

In seguito, si è svolta la tavola rotonda che ha dato voce alle imprese e alle istituzioni del territorio a cui hanno partecipato Oscar Bernardi, presidente Confartigianato Imprese
Marca Trevigiana, Mario Pozza, presidente della Camera di Commercio Treviso-Belluno| Dolomiti, Alberto Zanatta, presidente
Tecnica
Group e presidente vicario Assindustria Venetocentro, Pierangelo Bressan, presidente Garmont
International e Sandro Parisotto, presidente Calzaturificio Scarpa.

Il distretto della Calzatura sportiva e Sportsystem di Montebelluna rappresenta la specializzazione industriale prevalente del territorio di 17 comuni con Montebelluna al centro come polo di
attrazione: secondo una prima stima è costituito da circa 570 realtà produttive che occupano circa 6.300 addetti (nei 17 comuni al 2018), per lo più nella fabbricazione di calzature sportive per il
ciclismo, il motociclismo, il trekking e l’outdoor, e i pattini a rotelle (il 60% degli occupati), e di articoli sportivi, dall’attrezzatura bike e da sci, dagli scarponi e doposci agli sci, alle
tavole da snowboard.

Esiste nel distretto una diversificazione di attività che occupa l’intera filiera verticale di produzione che va dalla progettazione e il design di moda, alle parti in plastica e legno per le
calzature, alle lavorazioni e allo stampaggio di materiali particolari quali kevlar, carbonio e plastiche agli accessori e all’abbigliamento sportivo.

Da un’analisi della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo sulla rete di subfornitura del distretto (sviluppata sui pagamenti che transitano per la Banca) emerge una fitta rete di scambi
sulle prime fasi di lavorazione delle calzature e delle parti in plastica, tessuto e metallo che viene soddisfatta all’interno del distretto (il 50 % delle forniture per il comparto delle calzature
e l’80% per gli scarponi e gli articoli sportivi).

E’ frequente il caso di aziende che producono con il proprio marchio e nello stesso tempo sono anche terziste delle aziende più grandi del distretto: questa specificità fa sì che soprattutto le
imprese di medie dimensioni (10-50 milioni) sono in grado di trovare in un raggio di circa 60 Km tutte le forniture di cui necessitano (il valore della distanza media di fornitura nei distretti
italiani è di 100 Km). La possibilità di intrattenere rapporti frequenti con le altre imprese del distretto costituisce un punto di forza per le imprese dello Sportsystem di Montebelluna non solo
per i possibili vantaggi commerciali ma anche soprattutto per la trasmissione del processo di innovazione; ne sono la prova il numero di brevetti che ne fanno il principale polo italiano per
l’innovazione della calzatura sportiva.

Grazie alla qualità e all’innovazione dei prodotti il distretto si è affermato sui mercati esteri sia nel comparto delle calzature sportive (più di 1 miliardo di euro di esportazioni nel
2019), sia nel comparto degli articoli sportivi (306 milioni di euro pari al 27% dell’intero export nazionale di articoli sportivi).

La crescita delle esportazioni è stata rilevante se confrontata con il 2007: +18% per le calzature e +58% per gli articoli sportivi. I principali mercati di sbocco sono la Francia, la Germania,
gli Stati Uniti, la Spagna e il Regno Unito
che rappresentano il 50% dell’export totale del distretto. In particolare per la parte delle calzature sportive la strategia di
internazionalizzazione adottata ancora prima del 2008, è stata di esternalizzazione all’estero, prima nell’Est Europeo e più recentemente nell’Est Asiatico (Vietnam, Cambogia e Myanmar) delle parti
della produzione più labour-intensive, e di trattenere nel territorio le fasi a più alto valore aggiunto, non solo progettazione e design , ma soprattutto R&S, sviluppando nel tempo un alto
numero di brevetti. Il 67% delle imprese produttrici di calzature del distretto ha fatto investimenti all’estero, e alcuni paesi come la Romania sono diventati piattaforme non solo produttive ma
anche logistiche verso i mercati dell’Est.

Le specializzazioni produttive presenti nel distretto, che riguardano le calzature outdoor, trekking e sportive e l’attrezzatura bike e da sci, dagli scarponi agli sci, alle tavole da snowboard, hanno risentito fortemente dell’impatto del COVID nel 2020, con andamenti in linea con il
settore calzature italiano che ha perso quasi un quarto del fatturato rispetto al 2019. In particolare, le esportazioni di calzature del distretto hanno chiuso il 2020 con un calo del 14%, mentre
le esportazioni di scarponi e articoli sportivi, che pesano poco più di un quinto sul totale, hanno riportato una diminuzione del 17%.

Nel periodo estivo si era assistito ad un vero e proprio rimbalzo sia per la calzatura sportiva di Montebelluna (-5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente), sia per il comparto degli
articoli sportivi (-8%), per poi registrare un successivo rallentamento nel quarto trimestre, a causa delle restrizioni sulla mobilità delle persone e della chiusura degli impianti sciistici in
tutta Europa (-9% per le calzature sportive e -17% per gli articoli sportivi).

Nel primo semestre 2021 il distretto ha registrato un buon rimbalzo delle esportazioni sullo stesso periodo del 2020: le calzature hanno segnato +22% e gli articoli sportivi +20%, mentre il
comparto delle biciclette (inserito recentemente nel monitoraggio Intesa Sanpaolo del distretto) con un +84,6% si è dimostrato più dinamico. Proprio l’indotto delle biciclette e degli accessori e
delle parti, ha trainato le esportazioni del distretto di Montebelluna che nel primo semestre del 2021 ha toccato un livello di esportazioni di 710 milioni di euro, in aumento dello 0,7% sul primo
semestre 2019: le biciclette hanno raggiunto circa 96 milioni di euro (+78% sul 2019), avvicinandosi ai 106 milioni di euro esportati dagli articoli sportivi (-10% sul 2019).

Le calzature sportive con 508 milioni di euro rappresentano la specializzazione del distretto con maggiore penetrazione sui mercati esteri: nel primo semestre 2021, grazie alla forte crescita in
Polonia, Stati Uniti, Russia e Serbia, sono riuscite a bilanciare il calo di vendite nel Regno Unito, Spagna e Francia, contenendo la diminuzione rispetto al 2019 al -4,7%.

Il Distretto Sportsystem torna a far giocare il mondo – commenta con grande orgoglio il Presidente Andrea Parisotto -. In questa fase di ripartenza, abbiamo voluto
ri-attivare uno strumento di politica e pianificazione economica fondamentale come OES (Osservatorio Economico Sportsystem), trovando il pieno e determinante supporto di Intesa Sanpaolo e Camera di
Commercio Treviso-Belluno, attraverso i lori centri studi e ricerche. OES diventerà permanente su base semestrale, ove consentire alle aziende e soprattutto alle Istituzioni Pubbliche d’avere un
preciso e puntuale termometro sull’andamento economico distrettuale, potendo così intervenire in modo tempestivo ed accurato per moltiplicare le opportunità e mitigare le minacce. Ci
aspettiamo, che questo avvenga fin da subito, in particolare con riferimento alle amministrazioni locali, che solo in prima linea con le aziende nella creazione di opportunità e valore
economico condiviso e diffuso per il ns. territorio d’appartenenza”.

Come Camera di Commercio ci saremo e daremo il massimo contributo per la riattivazione di questo Osservatorio, funzionale a guidare i processi di cambiamento del distretto dello
Sportsystem e a rafforzarne la sua visibilità nazionale e internazionale – evidenzia il Presidente della Camera di Commercio di Treviso – Belluno|Dolomiti Mario Pozza -. Già da oggi mettiamo a disposizione un primo set di dati, dei nostri archivi camerali, che sarà utile per una nuova
mappatura territoriale del distretto che tenga conto delle nuove interdipendenze di filiera.

Vogliamo inoltre valorizzare l’intero tessuto imprenditoriale, in particolare le aziende più piccole, quelle artigiane, che soprattutto in questo momento di ripresa, possono avere difficoltà
nell’interpretare l’evoluzione dei mercati, ma possono giocare un ruolo fondamentale laddove serva una filiera più corta e reattiva. Condivido lo spirito del Presidente Andrea Parisotto,
che rievoca con orgoglio lo storico motto del “Distretto che fa giocare il mondo”. Abbiamo tutti gli ingredienti per vincere questa sfida: una solida partnership pubblico/privato, le progettualità
già in atto in vista di Milano – Cortina 2026, la prestigiosa sede del Museo dello Scarpone, le migliori eccellenze imprenditoriali, la sponda che stiamo già facendo con le nostre Camere di
Commercio italiane all’estero. Tutti fattori che convergono in una medesima vision strategica e in un forte richiamo di responsabilità sociale verso il territorio.

Il 2021 si conferma l’anno della ripartenza anche per il distretto dello Sportsystem di Montebelluna – commenta Francesca Nieddu, direttore regionale Veneto Est e Friuli
Venezia Giulia Intesa Sanpaolo -. Unendo e integrando un elevato livello qualitativo, i continui processi innovativi e la tradizione artigianale, le imprese del distretto hanno raggiunto elevati
livelli di competitività sui mercati internazionali, con brand riconosciuti e ricercati. Intesa Sanpaolo vuole continuare a sostenere questa eccellenza con soluzioni per accelerare ancora di più
l’evoluzione in chiave di innovazione e sostenibilità ambientale delle imprese, requisiti fondamentali per la crescita.

Il nostro supporto concreto, che rientra nel piano più ampio per dare supporto agli investimenti legati al PNNR, si traduce in prodotti e servizi dedicati come S Loan, che premia il
raggiungimento di obiettivi ESG avviato a luglio 2020, i green bond e i finanziamenti a valere sul plafond di 6 miliardi di euro dedicato alla circular economy, stanziato nel 2018. Dall’avvio di
queste attività, a livello nazionale, Intesa Sanpaolo ha erogato complessivamente 1,6 miliardi di finanziamenti a supporto degli investimenti delle imprese in sostenibilità e circolarità, di cui
oltre 110 milioni per 60 realtà del Triveneto. Particolarmente dinamico il fronte delle energie rinnovabili nel Triveneto, dove negli ultimi 10 anni abbiamo avvallato prestiti per718 milioni di
euro.

Calzatura sportiva e sportsystem di Montebelluna tra internazionalizzazione e innovazione di filiera
Anna Maria Moressa

Corsi e convegni

Economia

Economic Report

Eventi

News Europa

Promo

Sport