Le colline del Prosecco Conegliano-Valdobbiadene patrimonio dell’Unesco. Un grande giorno per l’Italia.

La Camera di Commercio orgogliosa di aver contribuito sin dall’inizio al successo della candidatura


Economia - pubblicata il 09 Luglio 2019


https://www.trevisobellunosystem.com/tvsys/img/notizie/colline_prosecco.jpg

Treviso, 08 Luglio 2019 – E’ un significativo riconoscimento del lavoro di squadra di tutto un territorio. Le colline del Prosecco Conegliano-Valdobbiadene patrimonio dell’Unesco. Un grande
giorno per l’Italia – lo dice il Presidente della Camera di Commercio di Treviso -Belluno| Dolomiti Mario Pozza -.

Una nuova sfida, una nuova vittoria per il nostro territorio frutto di una collaborazione tra pubblico e privato davvero vincente. Lo sottolineo, per condivisione, perché è l’architettura di un
territorio che dà fiducia e porta a successi di così grande portata. Olimpiadi Milano -Cortina 2026 e ora il riconoscimento Unesco.

La Camera di Commercio è orgogliosa di aver favorito sin da principio la creazione dei migliori presupposti per giungere, quando ancora in pochi ci credevano, a questo splendido risultato: sia
assicurando un importante stanziamento economico – ben 60 mila euro – sia lavorando attivamente nel board di governo della candidatura e nei gruppi di lavoro tecnici per la definizione delle
soluzioni operative, tra cui la creazione dell’Associazione Temporanea di Scopo “Colline di Conegliano Valdobbiadene Patrimonio dell’Umanità”, costituita nel 2014 quale vera e propria
start up per regolare le attività tra soggetti pubblici e privati e che ha portato al successo la candidatura con il riconoscimento delle nostre colline di Conegliano-Valdobbiadene, patrimonio
dell’Unesco.
Ora che questo traguardo è stato raggiunto, è necessario considerarlo come un nuovo punto di partenza: dall’Associazione di scopo si dovrà passare concretamente a un nuovo Organismo associativo
di gestione, che operi per la conservazione del sito, la tutela e riqualificazione urbanistica e paesaggistica e per la valorizzazione socio-economica del territorio di riferimento, attraverso la
promozione del patrimonio storico-artistico, architettonico, paesaggistico e culturale immateriale. Anche su questa partita la Camera di Commercio c’era ed è ben presente: sin da dicembre del 2017
la Giunta camerale ha votato all’unanimità l’interesse ad aderire all’ormai prossima Associazione per la gestione del sito che è patrimonio Unesco, puntando sin da allora a un soggetto – quale può
essere una Fondazione aperta e trasparente – dotata di personalità giuridica.

La Camera di Commercio di Treviso -Belluno| Dolomiti, è dunque sul pezzo per continuare a mettere in campo competenze, know how e finanziamenti affinché attorno al patrimonio dell’Unesco si
crei un’economia circolare e processi virtuosi di programmazione territoriale che vadano a innescare nuovi processi per l’ambiente, i cittadini, le imprese e i turisti.

Anni fa il Consorzio del Prosecco Doc ha festeggiato la sua costituzione in Camera di Commercio ed è stato qui ospitato, così come c’è stato il sostegno della Camera di Commercio per
l’acquisizione dei contrassegni di Stato della DOCG, anche garantendone l’approvvigionamento attraverso l’anticipazione di ben 450 mila euro dovuti al Poligrafico dello Stato. La Regione Veneto,
il Presidente Zaia con il suo fattivo sostegno, con la forza della rappresentatività. I produttori con i loro processi d’eccellenza, con il sapersi raccontare nei luoghi di produzione che hanno
dato avvio ad un turismo enogastronomico famoso in tutto il mondo, i consorzi che mi auguro diventi uno solo, rappresentativo di una realtà, che monitorano e regolano le strategie. L’università per
apportare innovazione sulle coltivazioni sostenibili.
Insieme facciamo tanto, tutti insieme – conclude il Presidente Pozza – diamo un modello di business vincente all’Italia e di attrattività all’estero.

Corsi e convegni

Economia

Economic Report

Eventi

News Europa

Promo

Sport